lunedì 10 gennaio 2011

L’antica arte del pane fatto in casa


Una volta, di pane c’era solo quello fatto in casa, per le massaie era un’attività comune di tutti i giorni. Ma con l’industrializzazione è andata persa questa abitudine, tanto è così facile andare a comprare il pane dal fornaio!

Io, non so perché, ma sono sempre stata attratta da tutto quello che si può fare da sé, e da antichi mestieri. La pasta fatta in casa, le torte, la pizza e il pane, evocano in me un senso di “casa”, come poche altre attività domestiche riescono a fare. Ma non è difficile fare il pane? E conviene?


Qualche anno fa cominciato a cimentarmi in questa vera e propria arte facendo alcune prove e ho scoperto questo:
1)      non è difficile fare il pane, se all’inizio si ha un po’ di pazienza e si è pronti a riprovare fino ad ottenere un buon risultato (ho notato che bisogna prendere un po’ la mano, ma in realtà il procedimento è molto semplice),
2)      conviene farlo in casa e si risparmia molto se lo si fa regolarmente. Ho sentito che il risparmio può arrivare anche fino a 500 Euro all’anno, comunque calcolate voi stessi, se usate 1 kg di farina che costa da 0,35 a 1 Euro, a seconda della qualità e tipo, e aggiungete poco olio d’oliva, un pochino di sale e il lievito che costa da 0,11 a 0,50 a panetto, potete rendervi conto del risparmio rispetto ai prezzi attuali del pane e anche dal fatto che si tratta di un bene primario e ne consumiamo tutti i giorni.

Pane fatto in casa (ricetta semplice)

Questa è la ricetta più semplice che ho, e anche la più economica. Per vedere altre ricette più elaborate clicca qui. Inoltre con questa ricetta si può fare la pizza bianca!

Ingredienti:
300 gr di farina
¼ di panetto di lievito fresco (o ½ bustina di lievito secco)
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di zucchero
2 cucchiai di olio d’oliva (optional)
Acqua


In una terrina mettete il lievito e spezzettatelo con un coltello, aggiungete il cucchiaino di zucchero e aggiungete due dita d’acqua. Sciogliete con una forchetta rendendo il composto un liquidino beige. Aggiungete la farina, il sale, l’olio se volete, e tanta acqua perché il composto diventi compatto, non troppo liquido e non troppo secco, con pezzi che si sbriciolano. Non c’è bisogno di impastare chissà quanto tempo, io uso una forchetta e giro per qualche minuto, solo per amalgamare il tutto.

Accendete il forno a 50 gradi per 1 minuto, spegnete e mettete la terrina a lievitare per MINIMO mezz’ora.

NB: se vado di fretta o faccio il pane lì per lì faccio così, altrimenti lo lascio o per 2 ore o tutta la notte a lievitare. La versione veloce comunque funziona bene.

Dopodichè, togliete la terrina dal forno, accendete il forno a 200 gradi. Intanto su una spianatoia cospargete di farina, versatevi l’impasto del pane, dategli la forma che volete, per esempio a pagnotta, aggiungendo un po’ di farina se l’impasto è troppo umido (ma non troppa), adagiate su una teglia e quando il forno ha raggiunto la temperatura indicata infornate per 20/25 minuti.

La riuscita dipende molto dal tipo di forno quindi controllate spesso, almeno le prime volte (potete tranquillamente aprire lo sportello durante la cottura).

Se non vi riesce la prima volta riprovate e fatemi sapere!!! Una pagnottina fragrante appena uscita dal forno è impagabile!!

(Ma provate anche la mia baguette francese, una ricetta molto semplice!)

Avete esperienza nel fare il pane in casa? Ricordi di mamme e nonne? Lasciate un commento!


(Se ti è piaciuto questo post, puoi seguirmi su Facebook o iscriverti via e-mail, per ricevere tanti altri consigli frugali!)

27 commenti:

  1. E' da un po' che penso al pane fatto in casa... vorrei provare...
    Per quanto riguarda il discorso risparmio...che ne dici del forno? Gli ingredienti costano davvero poco, ma non so quantificare il costo del forno per la cottura. Premetto che io cerco di utilizzare tutto cio' che c'è di elettrico in bassa tariffa, avendo la bioraria....cosa ne pensi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanch'io posso quantificarlo ma sono sicurissima che si risparmia molto facendolo a casa. Calcola che potresti fare il pane, per esempio una volta alla settimana (o due), la sera, con la corrente a basso costo, facendo delle pagnotte e dei panini che puoi facilmente conservare in freezer. Guarda il costo del pane dal panettiere e guarda quanto ti viene se compri la farina e lievito... a me costa meno di un terzo o anche meno. Sono dieci anni buoni che lo faccio e sono contentissima! Prova se vuoi e fammi sapere!

      Elimina
  2. Sto preparando l'impasto!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava!!! Fammi sapere come viene!!

      Elimina
    2. Allora...credo proprio di avere bisogno di qualche consiglio.. Parto dal risultato, direi meglio del previsto essendo la prima volta, soffice e buono. Ho fatto una pagnotta e un panino piu' piccolo così per vedere la differenza. Il problema era pero'...la consistenza, come posso spiegare...pesava tanto anche se era piccola la pagnotta. Era come concentrata. Sentivo anche un po' di odore e sapore di lievito...forse non è lievitato bene?
      Ho usato 300 grammi di farina sono usciti 500 grammi di pane .
      Ho usato il lievito in bustina, l'ho sciolto in acqua tiepidae 1 cucchiaino di zucchero e l'ho unito alla farina. Forse dovevo aspettare un po'?
      L'impasto l'ho lasciato lievitare 2 ore al calduccio del forno spento che avevo portato a 50 gradi per un minuto.
      Effettivamente dopo le 2 ore non era tanto di piu' di quando lo avevo impastato...
      Ho sbagliato qualcosa???

      Elimina
    3. Allora, intanto complimenti per il tuo primo pane!
      Poi vorrei chiederti alcune cose:
      Com'era il pane dentro, gommoso?
      Hai usato tutta la bustina di lievito secco?
      Forse hai aggiunto troppa poca acqua?
      Hai aggiunto farina dopo la lievitazione per formare la pagnotta e il panino?
      Come hai impastato?
      Il fatto che hai lasciato lievitare per 2 ore invece della mezz'ora consigliata, dovrebbe rendere migliore la lievitazione, ma non deve necessariamente far crescere l'impasto a dismisura. Normalmente a me cresce poco in effetti. È più che altro la consistenza della pasta lievitata che ti dice se è pronta o no, cioè vedi che è diversa, un po' elastica al tatto e spugnosa.
      Questa ricetta è la mia più semplice per fare il pane, che spesso uso se vado di fretta e che uso sempre per fare la pizza. Il pane fatto così viene un po' fitto, questo a causa della poca lavorazione e della limitata lievitazione, ma comunque è un modo molto semplice per cominciare e prendere dimestichezza con la panificazione.
      Comunque, ti dico che per fare il pane bisogna prendere la mano. Non so perché, a me le prime volte non mi riusciva anche se seguivo alla lettera le ricette. Per questo ti dico che il risultato è più che buono per essere la tua prima volta!

      Detto tutto questo posso darti questi consigli:
      1) Va bene far lievitare di più il pane.
      2) Non c'è bisogno di aspettare ad unire il lievito con la farina, io lo metto subito e mischio tutto.
      3) Non so se hai usato tutta la bustina o mezza, comunque in genere non bisogna esagerare con il lievito, l'importante è il tempo di lievitazione e non la quantità di lievito.
      4)Se vuoi provare una ricetta più elaborata guarda la mia ricetta del pane casareccio sul blog per fare un pane più leggero. Ti consiglio però, per esperienza di renderti la vita più semplice e di non cimentarti subito in ricette troppo lunghe ed elaborate altrimenti rischi che sia troppa fatica e lasci tutto (dipende dal carattere però)...
      5)Riprovare, riprovare, riprovare, riprovare...

      Buona riuscita e fammi sapere!

      Elimina
  3. Sai cosa ho appena finito di fare??? Un altro impasto!!!Stasera dopo cena io e mio marito ci siamo messi all'opera! A prescindere dal risultato è stato bello condividere questo momento!
    Comunque... torniamo al pane... Io stamattina ho usato solo meta' bustina, stasera ho provato col cubetto. Per quanto riguarda il risultato di stamattina e' come dicevi tu, un po' gommoso e proprio pesante.
    L'impasto di stasera l'ho messo a lievitare e conto di lasciarlo li tutta la notte, così domattina inforno!
    Sai che non vedo l'ora di provarlo? I miei bimbi erano tutti contenti...che bello vederli felici per delle cose così semplici.
    Proprio oggi ascoltavo una trasmissione ed una donna parlando di crisi parlava di opportunità...forse un po' è anche vero, con tutto il rispetto per i casi davvero difficili, per noi tutti forse il ridimensionare la nostra vita verso una riscoperta di valori veri, di rispetto, ci puo' portare ad una felicità libera..
    Grazie per il tuo tempo e i tuoi consigli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere Claudia! Buona riuscita!

      Elimina
    2. Sono ancora in fase di tentativi... quando ce l'ho fatta ti dico!!!

      Elimina
  4. Evviva!! Ce l'ho fatta!
    Una pagnotta davvero buona...avevi ragione tu, serve qualche tentativo e poi...voila'!
    Che soddisfazione! Domani lo rifaccio, così consolido il risultato!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto contenta Claudia! Vedrai che più lo fai, meglio ti verrà!

      Elimina
    2. Non compro piu' il pane!
      Adesso ho sostituito il lievito con la pasta da riporto... viene piu' leggero e piu' buono!!

      Elimina
    3. Che bello Claudia! È una buona idea la pasta da riporto, così si risparmia anche! Io sto usando anche la pasta madre e il pane viene fantastico!!

      Elimina
    4. ne è passato di tempo dal..primo impasto e da allora NON HO PIU' COMPRATO PANE !!!

      Elimina
    5. Mi fa davvero piacere Claudia!!!!

      Elimina
  5. Ciao, mi piacerebbe cimentarmi e vorrei sapere se usi una farina comune (da supermercato per capirci) o hai qualche consiglio anche sul tipo e qualità di farina
    Inoltre vorrei sapere quanti e quali tipi di pane sei riuscita a realizzare :D
    io ho una mini cucina e il forno elettrico, più che altro voglio cimentarmi per liberarmi dall'incubo dell'acqua all'arsenico con cui, sicuramente , fanno anche il pane...:D
    Ovviamente usando acqua depurata e dearsenificata ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, io uso la farina bianca normalissima del supermercato, quella che costa di meno. Ma ho usato varie farine con risultati molto simili quindi non faccio grandi differenze. Per sapere quali altri tipi di pane faccio, guarda alla sezione "pane" e lì trovi quelli che ho pubblicato.

      Elimina
  6. Ciao!
    Che farina usi? (classica da supermercato o hai una "marca" o tipo particolare da consigliare?)
    Mi sembra di capire che non impasti?
    o impasti poco?
    Per quanto tempo dopo la lievitazione?Solo per dare forma alla pagnotta o un po' lo "lavori"?
    Grazie
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questa ricetta impasto poco, e anche dopo la lavoro pochissimo. È una ricetta molto semplice per avere dei risultati soddisfacenti in poco tempo.

      Elimina
  7. Ciaoooo
    eccomi qui per dirti che ho fatto il pane seguendo la tua ricetta "semplice" e ho avuto la fortuna del principiante perché è venuto niente male.
    Usando un forno elettrico statico però ho dovuto farlo cuocere 20 minuti + altri 15 onde evitare fosse cruda la mollica
    forse ho usato troppa farina quando ho impastato perché la crosta era croccante al limite della durezza.
    MA il sapore era buono e anche la consistenza. usero questa ricetta anche per la pizza bianca:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima, mi fa piacere!! Il tutto sta nella pratica e nell'osservazione del risultato. A presto e grazie!

      Elimina
  8. Ho fatto il pane e l'ho lasciato riposare tutta la notte, ha raddoppiato di volume!
    Quando capisco che è cotto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Normalmente quando la crosta si indurisce e si colora durante la cottura.

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...