lunedì 22 agosto 2011

Conserva di pomodori


Con l’abbondanza di pomodori che abbiamo in giardino e che si trovano sui banchi dei supermercati, è arrivato il tempo di fare la passata di pomodori! È un po’ un lavoro “caldo” far cuocere pentoloni di pomodori, col caldo che fa fuori in agosto… ma che grande soddisfazione! Non l’avevo mai fatta in effetti, ma dal momento che quest’anno il mio giardino è stato molto generoso ho deciso di cimentarmi anch’io. In più ho comprato dei pomodori a pochissimo al mercato per integrare quelli che avevo raccolto. Ecco come ho fatto.


Conserva di pomodori

Ingredienti:
pomodori maturi

Prima di tutto lavo tutti i pomodori e li asciugo. Poi li taglio in due o più se sono grandi e li metto in una pentola. Faccio cuocere per circa un’ora e poi passo tutto al passaverdure. La passata poi la faccio ripassare attraverso uno scolapasta giusto per eliminare ancora qualche seme. Rimetto la passata nella pentola sul fuoco e faccio cuocere ancora fintanto che abbia perso un po’ di liquido e abbia raggiunto una consistenza “giusta”… da passata insomma!! Poi la verso in barattoli di vetro appena ripuliti, sciacquati e asciugati e li chiudo bene. Riempio di acqua una pentola capiente e metto i barattoli di passata nella pentola divisi tra loro da un canovaccio. Dopodiché faccio bollire per un ora, spengo e lascio raffreddare i barattoli nella pentola.

Ho visto che se ho tanti pomodori, divido il processo in due e cioè faccio cuocere i pomodori e li passo il primo giorno e il giorno dopo li faccio ricuocere per condensarli un po’, imbottiglio e li sterilizzo bollendo i barattoli nella pentola d’acqua.

(Un consiglio: quando rimettete la passata sul fuoco per condensarla, quindi facendo evaporare l'acqua in eccesso, per abbreviare i tempi e risparmiare gas potete, mentre cuoce, con un mestolo togliere delicatamente l'acqua che si forma in superficie e metterla in un recipiente - infatti la passata di pomodoro tende a scendere in basso perché più pesante e l'acqua rimane in alto - e conservarla, in frigo o in freezer, sotto il nome di "acqua di passata" per allungare stufati o aggiungerla in zuppe e minestre!)

È davvero facile fare la conserva di pomodori, e non è così dispendiosa di energie come sembrerebbe. Se non avete un giardino potete comprare i pomodori al mercato in questo periodo che costano pochissimo al kg. Badate che i pomodori siano ben maturi prima di lavorarli, e se non dovessero esserlo ancora, lasciateli a temperatura ambiente per qualche giorno.

Per vedere delle ricette frugali con la passata di pomodoro clicca qui!


(Se ti è piaciuto questo post, puoi seguirmi su Facebook o iscriverti via e-mail, per ricevere tanti altri consigli frugali!)

2 commenti:

  1. ciao! è interessantissimo il tuo blog...per la conserva di pomodori noi, dopo aver passato i pomodori, li imbarattoliamo immediatamente, chiudiamo bene i barattoli, poi li mettiamo a cuocere..ma non sul gas..accendiamo un fuoco fuori casa (non sul prato, ma sul cemento)vi poniamo sopra un barile su apposito appoggio in ferro fai da te..i barattoli li si può porre anche uno sopra l'altro e tra i vari strati si può usare del cartone o dei giornali..poi si copre tutto con l'acqua e facciamo cuocere un quarto d'ora circa a fuoco vivo..qualche barattolo può capitare che scoppi se è stato riempito troppo..ma non crea danni visto che resta nel recipiente. Questa cottura permette di conservare i barattoli fuori dal congelatore..l'unico inconveniente è che la passata è un po' acquosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gippy! Sì, cuocere la passata fuori sarebbe l'ideale, e si risparmia anche gas... purtroppo io non saprei come organizzarmi, ma chissà vedremo. La passata acquosa non è un problema secondo me perché alla fine ho visto che in questo caso per fare il sugo basta non aggiungere acqua per la cottura... Grazie e a presto!

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...