lunedì 28 novembre 2011

Come arrivare alla fine del mese

Questo è un vero dilemma per tanti che, vuoi a causa del rincaro generale, vuoi per il reddito che invece non aumenta e non si mette al paro con il carovita, vuoi per indebitamenti vari devono affrontare. La generale crisi economica continua a dilaniare, le spese sono tante, ed anche il lavoro, considerato oro colato ad avercelo, genera spesso una remunerazione esigua rispetto alle necessità. Comunque c’è un rimedio a tutto e vediamo quali strategie possiamo mettere in atto per ridurre o annientare del tutto l’”ansia da fine mese”…



Intanto vorrei far notare questo: il problema più grande non è tanto la mancanza di soldi ma soprattutto l’abitudine che abbiamo di spendere per cose non proprio totalmente necessarie. La colpa è della società estremamente consumista nella quale veniamo letteralmente bombardati e sublimamente pressati a spendere (soprattutto i) soldi (che non abbiamo), e influenzati da questo messaggio: se tu vuoi valere qualcosa allora devi avere questo prodotto o quel prodotto.

Una volta che ho capito e fatto notare a me stessa che io valgo qualcosa anche senza avere tal e tal prodotto, innanzitutto per il semplice fatto che sono un essere umano, degno di vivere, di amare e di essere amata; quando so che il mio valore non viene dalle cose materiali ma da quello che sono e come agisco rispetto a me stessa e agli altri, allora ho cominciato a fare un grande passo avanti per risolvere i miei problemi finanziari.

Detto questo vorrei prendere in esempio una famiglia tipo, la famiglia Rossi, per mostrare in che modo possiamo ridurre le spese mensili e riuscire a spendere meno di quello che si guadagna.

Famiglia Rossi: Mamma, Papà e due figli, uno che va all’asilo e uno che va alle elementari. Papà guadagna 1000 euro al mese e Mamma fa la casalinga. Ora si potrebbe dire che la mamma potrebbe anche andare a lavorare, ma lasciamola a casa ad accudire i bambini, soprattutto il più piccolo che si ammala spesso e si prende tutti i batteri e i virus possibili dagli altri bambini dell’asilo ;-). Questo modello varrebbe quindi anche per mamme single che hanno un solo stipendio e devono tirare su da sole i loro figli.

Mettiamo che la famiglia Rossi paghi 500 euro di affitto al mese, ed abbia a disposizione solamente 500 euro per vivere. Poco? Si pochissimo, come faranno ad arrivare alla fine del mese?

Vediamo le altre spese fisse mensili: luce 100 euro, gas 100 euro, telefono 100 euro (compresi i cellulari), internet 49 euro, acqua e netezza urbana 50 euro, rata della macchina 150 euro, assicurazione macchina 100 euro + 150 di benzina, spesa che comprende cibi, prodotti per la pulizia della casa e dell’igiene personale 250 euro, vestiario 100 euro a persona due volte all’anno fanno circa 70 euro al mese. Totale: 970 euro e questo senza contare l’affitto e le eventuali emergenze, riparazioni domestiche o della macchina, i libri di scuola e gli articoli di cartoleria e qualsiasi svago o regalo o giocattolo per i bambini. Così non ce la fanno!

I signori Rossi quindi si rimboccano le maniche e guardano prima le spese fisse: cosa si può cambiare per spendere di meno?
Luce: lampadine ecologiche, riduzione dell’uso di elettrodomestici, scaldabagno acceso solo quando serve; bolletta: 45 euro invece di 100
Gas: per cucinare uso più frequente della pentola a pressione, e degli erogatori più piccoli, e per il riscaldamento riduzione della temperatura di giorno e chiusura di notte; bolletta: 45 invece di 100 euro.
Telefono: eliminazione del telefono fisso e del contratto fisso dei cellulari, i Rossi adesso usano solo schede ricaricabili, 10 euro per adulto al mese. Questo significa niente più telefonate solo per il piacere di chiacchierare, ma solo per comunicazioni urgenti. Per chiacchierare ci sono le email o le chat in internet oppure la signora Rossi si fa chiamare. Costo: 20 euro invece di 100 euro.
Internet: dopo ricerca dettagliata dell’offerta migliore, il Signor Rossi decide di prenderne una da 24 euro al mese, naturalmente niente internet nel cellulare o altri surplus vari che fanno aumentare la quota mensile.
Acqua: si decide di non lasciar più scorrere l’acqua mentre si usa per l’igiene personale o per altri usi domestici. Ci si fa la doccia e non più il bagno. Costo 25 invece di 50 euro.
Macchina: il signor Rossi decide di vendere la sua macchina e di comprarne una usata più piccola e senza leasing. Fa una ricerca e sceglie una compagnia di assicurazioni con una polizza più economica. Costo 60 euro + 90 di benzina invece di 250 Euro.

Per le spese variabili, anche qui grossi risparmi:
Spesa: la signora Rossi comincia a comprare solo le offerte settimanali e a fare il pane in casa. Riduce il consumo di carne e pesce, e incrementa quello di legumi e uova. Fa attenzione anche alle offerte per i prodotti della casa o della cura personale e riduce l’acquisto di detersivi usando aceto, bicarbonato e ammoniaca per le pulizie. Costo 120 euro invece di 250 euro.
Vestiario: si riciclano i vestiti, o si ricevono usati da parenti e amici, oppure si va al mercato americano dove si trovano capi usati anche ad 1 euro. Costo 5 euro invece che 70.
Libri scolastici: in prestito dalla scuola per famiglie con reddito basso.
Cartoleria: usare davvero tutto ciò che si ha, eventualmente 20 euro all’anno per entrambi i bambini, 2 euro al mese.
Svaghi: niente ristorante o McDonald, si sta a casa o si fanno gite con pranzo al sacco o pic nic. Soprattutto niente giostre! I parchi con altalene e scivoli sono gratis.
Giocattoli e libri per bambini: anche questi si possono ricevere gratis da altri bambini cresciuti di parenti e amici. O ci si limita ai regali di Natale e dei compleanni che fanno i nonni o altri parenti. Per i libri si può anche andare in biblioteca.

Sommando l’affitto e tutte le spese sono 936 euro. Il signor Rossi decide di mettere da parte 50 euro al mese per le emergenze e i restanti 14 euro sono di RISPARMIO! Molto saggiamente i signori Rossi non solo hanno trovato il modo di risparmiare e di ridurre tutte le spese per arrivare tranquilli alla fine del mese, ma hanno ora anche la possibilità di mettersi qualcosa da parte, anche se poco, e questo guadagnando solo 1000 al mese!!

Questo è solo un esempio (e gli importi sono APPROSSIMATIVI), ma si può fare davvero tantissimo per risparmiare. Si potrebbe anche rinunciare del tutto a internet e usarlo gratis dalla biblioteca, e rinunciare alla macchina e prendere i mezzi. Comunque, per alcuni tutto questo può sembrare una grande rinuncia ma per altri può invece costituire la via alla libertà, vivendo una vita più semplice e serena.

Vi siete mai trovati nella difficoltà di arrivare alla fine del mese? Quali strategie di frugalità avete messo in atto per risparmiare? Siete riusciti, dopo tutto a cogliere il lato semplice e sereno di una vita più frugale?


(Se ti è piaciuto questo post, puoi seguirmi su Facebook o iscriverti via e-mail, per ricevere tanti altri consigli frugali!)

9 commenti:

  1. Ciao, concordo in pieno con te sul fatto che le vie del risparmio sono infinite:))

    Bisogno o no, è sempre bene imparare i modi per farlo.

    Aggiungerei anche il baratto: negli armadi e nei cassetti c'è sempre qualcosa che non serve/si porta più, e barattarlo è un buon affare, perché è pur sempre un rinnovo ma a costo zero. E poi si corre pure il rischio di conoscere gente simpatica :)))

    RispondiElimina
  2. Ciao, grazie degli utili suggerimenti! Credevo di essere attenta ma.. posso ancora migliorare, a presto!
    Carmen

    RispondiElimina
  3. ecoenonspreco: ciao, che bella idea! Il baratto è gratis e ci si libera di cose che non servono più, quindi doppio vantaggio!

    Carmen: grazie a te e benvenuta! Ci sono tante cose che si possono fare per risparmiare, anch'io sto imparando!

    RispondiElimina
  4. beh io ho passato un anno davvero difficile quando al ritorno dalla maternità mi hanno licenziata e ritrovare un posto è stato abbastanza difficile.. abbiamo mutuo rata auto da pagare, due auto che ci sono indispensabili visto che abitiamo in un paesino e anche per raggiungere la stazione più vicina ci vuole l'auto...dopo qualche mese di scoraggiamento ho cominciato a cambiare, devo dire con difficoltà all'inizio ma con sempre maggiore entusiasmo poi e adesso che comunque un lavoro l'ho trovato (sempre part-time perchè il tempo per la famiglia è sacro)contiunuo a procedere su questa strda che mi dà un sacco di soddisfazioni e ci fa vivere più sereni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco benissimo giuieta! Ma davvero cambiare tante abitudini che portano a spendere senza che ce ne rendiamo conto e risparmiare anche nelle piccole cose possono portare a grandi risultati secondo me, specialmente nella qualità della vita!

      Elimina
  5. Anche questi sono consigli utilissimi!
    la cosa importante che tutti i componenti della famiglia capiscano il perchè di certe rinuncie...la cosa più difficile a volte e dire di no a una richiesta anche piccola di un figlio!
    ma certe scelte di vita aiutano a unire la famiglia, parola di valeria! e so che tu l'hai già verificato!
    complimenti e bacioni da valeria del blog un truciolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so che è difficile coinvolgere la famiglia, ma specialmente i figli possono imparare molto, già da piccolini e si possono trovare altri metodi frugali per farli contenti! E sì, proprio come dici tu, certe situazioni aiutano a creare un forte senso di famiglia! Grazie Valeria!

      Elimina
  6. io ci provo tutti i mesi a risparmiare ma nn e' facile mi sono tolto la macchina ma i biglietti dei mezzi pubblici sono troppo alti risparmiavo piu andando in macchina a lavorare che con il bus solo che c'e' l'assuicurazione che nn ho piu potuto pagare il discorso del cibo 150 euro al mese e' pochissimo ma facendo colazione pranzo e cena e impossibile sendere quella cifra il baget e molto piu alto per spendere 150 euro al mese dovresti spendere 5 euro al giorno se cosi fosse nn si dovrebbe mangiare iu carne salumi pesce... dovresti mangiare asta al sugo tutti i giorni e nn ti basterebbero i soldi per comprare i detersivi... dire di spendere 45 euro di luce al mese dovrei camminare per casa a luce spenta perche in un appartamento che nn ci vivevo e senza luci solo con una lampadina e un po di energia per attrezzatura da lavoro usata pochissimo in due mesi e arrivata 30 euro di luce gas 50 euro ho usato il termoconvettore per poche settimane in estremo freddo e gas solo per fare da mangiare un conguaglio di 330 euro vestiario ho girato non so quanto tempo con le scarpe rotte perche nn avevo soldi per comprarle e quelle utate da miei famigliari mi facevano male perche avevano una forma diversa dal mio piede ormai usurata ... ed io rendo 1300 euro al mese mantengo una moglie un mutuo e ho due cani che nonostante il tutto lo preso dal canile per toglierlo e cercare di dargli vita migliore ma in sto mondo mi sa che vita migliore nn c'e' nemmeno per noi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del tuo commento. Allora, anche con pochi soldi si può vivere degnamente, basta sapere come fare, per esempio è ottimo che prendi l'autobus, il costo maggiore della macchina è l'assicurazione e le riparazioni purtroppo. Con 150 euro si può mangiare molto bene, certo anche rinunciando alla carne ci sono svariatissime ricette usando tutti i tipi di verdura, uova e legumi, ricette frugali, che fanno invidia a ogni gourmet (vedi le ricette del blog). Alcuni detersivi si possono fare in casa. Per l'elettricità, io spendo 50 euro al mese, faccio una lavatrice o due alla settimana e tengo spento lo scaldabagno a parte 4 o 5 giorni al mese, ma certamente non sto al buio!! Per il vestiario puoi provare al mercato americano dell'usato, c'è davvero di tutto a prezzi stracciatissimi e moltissime cose in buono stato. Ai cani si può cuocere dei papponi con riso e carne a poco.1300 euro al mese non sono poche, lo sono per lo standard di ricchezza che ci impone la società, ma immagino che il tuo mutuo sia alto. Io sono sola con mia figlia sedicenne e uno stipendio come il tuo me lo sogno! Il mio consiglio: studiati bene il blog, fai un piano d'attacco insieme a tua moglie, e cambia atteggiamento, si può vivere bene con pochi soldi, trovate la vostra felicità in cose non dispendiose, che sono poi i valori veri della vita.

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...