martedì 8 maggio 2012

E se diventassimo vegetariani per risparmiare sulla carne?

Il mondo occidentale ormai è diviso in due gruppi: il gruppo che mangia carne e quello che non la mangia. Naturalmente ci sono moltissimi sottogruppi, che integrano più o meno prodotti animali, o che si distinguono per il consumo o l’astinenza di particolari cibi.  Quando vogliamo affrontare frugalmente la questione di cosa portare in tavola ogni giorno, una riflessione su un certo tipo di dietetica, a prescindere da necessità mediche o morali, è necessaria, perché volente o nolente, alcuni cibi costano più di altri, ma alla fine quello che conta è essere sazi, no?


La carne è l’alimento più caro tra tutti i cibi che possiamo mangiare, quindi limitarne il consumo o addirittura smettere di mangiarla, potrebbe risolversi in un notevole risparmio. Voglio dire, pensando logicamente, se devo scegliere tra due pasti, uno con la carne e uno senza, e l’uno mi costa 5 euro e l’altro 1 euro, se voglio risparmiare, quale sceglierò? È ovvio che da un punto di vista puramente lineare e logico, se la carne costa, il problema si risolve eliminandola….

A me personalmente la carne piace. Da bambina a casa mia si mangiava, anche di vari tipi, per esempio pollo,  manzo e vitello, maiale e qualche volta agnello. Da adulta poi, ho cominciato a limitarmi a pollo, tacchino e macinato (spesso misto), per risparmiare. Se devo essere sincera, però, potrei, se voglio, farne a meno. Ci sono tantissime ricette veramente gustose che si possono realizzare senza carne, e il fattore salute non dovrebbe costituire un grosso problema, fintanto che si badi ad integrare la dieta anche con altri cibi proteici.

Ora, quali cibi proteici sono adatti ad una dieta vegetariana? Negli anni novanta c’è stato il boom dei prodotti a base di soia, come le “bistecche” di soia, il “macinato” di soia, ecc., una carne vegetale, insomma, e spesso si è sentito dire che addirittura il sapore se ne avvicinava. Il problema della soia, però, secondo me è che, per renderla così vicina alla carne deve essere processata in un certo modo e questo fa diventare la soia un prodotto non più genuino ma industriale. Ciò, monetariamente parlando, significa che la soia è cara e il suo consumo non rientra in una scelta di menù frugale. In più, negli ultimi anni, abbiamo scoperto che la soia viene geneticamente modificata e c'è chi ha anche sviluppato una sua intolleranza.

Se vogliamo diventare vegerariani, quindi, perché non farlo nel modo più naturale possibile? Ci sono dei cibi “vegetariani” molto semplici e frugali. Non annovero fra questi cibi proteici il quinoa o altri cereali alla moda che sono solo cari e a mio avviso, per quanto sani, superflui:


Legumi: fagioli, lenticchie, ceci, piselli. I legumi sono buonissimi ed esistono infinite ricette, una più succulenta dell’altra, nelle quali possiamo utilizzarli!

Frutta secca: noci, mandorle, nocciole, arachidi. Nella stagione giusta si trovano abbastanza a buon mercato e si possono utilizzare, non solo in pasticceria ma anche in cucina per preparare salse e aggiugnerle alle insalate. Non annovero i pinoli perché sono carissimi e il pesto di basilico viene buonissimo ANCHE utilizzando la frutta secca sopracitata. Le noci ovviamente possono anche essere consumate allo stato naturale, come merenda tra un pasto e l’altro, per esempio, e sono sanissime anche grazie ai buonissimi oli che contengono.

Uova: sono un cibo estremamente frugale e si possono utilizzare per preparare splendide frittate di tutti i tipi e gusti, per legare polpette vegetariane, mangiarle sode in insalata o in sfiziosi panini e mischiate con la maionese, e in tante altre ricette.

Formaggi: ok, i formaggi sono cari, ma dipende da quale tipo e anche in quale zona dell'Italia ci troviamo e quale formaggio è tipico di quella zona e quindi generalmente più economico. Normalmente posso dire che la ricotta e la mozzarella sono abbastanza abbordabili. Il formaggio può sostituire il secondo se accompagnato da un contorno, come insalata o patate lesse. Anche il parmiggiano, spolverato in vari cibi, contribuisce ad aumentare il contenuto proteico della pietanza.

Come costituire quindi un menù senza carne che sia ugualmente equilibrato? Integrando I cibi proteici ad ogni pasto o almeno una volta al giorno. In questo modo non ci saranno carenze e il menù sarà anche adeguatamente variato.

Con tutto questo discorso, significa che da oggi in poi sarò vegetariana?

NO. Ma semplicemente cercherò di non comprare carne. La mangerò se ne riceverò in dono (come avviene spesso quando mia madre ci viene a trovare ;-)) o se sono invitata, perché in fin dei conti mi piace e la comprerò in casi eccezionali quando mi avanzerà qualche soldo in più dalla spesa o in occasione di qualche festa in particolare, o perché forse ho trovato un’offerta vantaggiosissima.

A breve un post su come risparmiare se si vuole comprare carne!

E voi siete vegetariani? Lo siete diventati per risparmiare o per seguire un ideale? Se non lo siete, potreste rinunciare alla carne e optare per proteine vegetali allo scopo di risparmiare sulla spesa?


(Se ti è piaciuto questo post, puoi seguirmi su Facebook o iscriverti via e-mail, per ricevere tanti altri consigli frugali!)

18 commenti:

  1. io mangiavo carne tutti giorni perche in colombia e piú economica, ma quando sono arrivata in italia, la carne mi ha sembrato carisssiiiima eco si non la mangio speso, una o due volte al mese purtroppo.....mangio altre cose, come l'uova, il tonno in scatola, bastocini findus marca carrefour, pollo, mmmm fagioli, lenticchie.......tante verdure......la carne la mangio tritta...cosi risparmiamo tanto....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, con la carne trita si può risparmiare molto! Comunque anche altri piatti vegetariani sono ugualmente buoni!

      Elimina
  2. Io amo la carne, non potrei farne a meno! Adoro la fiorentina e se potessi (avessi i soldi) la mangerei tutti i giorni! Purtroppo ho il colesterolo un po' alto, quindi, oltre alla carne, devo limitare i formaggi e le uova soprattutto, quindi non potrei mai sostitituire la carne con le uova. Sul totale settimanale mangio più carne bianca che rossa, che costa meno ed è meno "colesterolosa" della carne rossa.
    Però quelle belle grigliate miste, le adoro!
    Non mangio carne di coniglio, cinghiale, capriolo e fagiano. Questo perchè mio padre è cacciatore e per principio non mangio le cose da lui cacciate, nonostante siano in qualche modo "gratis" in casa mia.
    Lo so, è un controsenso, perchè le mucche all'allevamento intensivo muiono tanto come il cinghiale nel bosco...però boh, non mi piace mangiar selvaggina, ecco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che la selvaggina comunque abbia un sapore più intenso rispetto alla carne di allevamento, e poi posso capire che forse possa inibire il fatto di mangiare un animale cacciato. Anche a me comunque piace molto la carne :-)

      Elimina
  3. Io ne mangio poca, soprattutto bianca. Spesso faccio dei piatti unici con pezzetti di petto di pollo saltato in padella con tante verdurine tagliate a dadini. Lo compero in offerta, il pezzo intero e lo divido in porzioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti ci sono dei modi di risparmiare sulla carne, senza dover necessariamente rinunciarvi, per esempio si può ridurre e come fai tu integrarla con altre cose... (questo sarà il tema di un mio prossimo post ;-)

      Elimina
    2. Un'altro tipo di carne che trovo a buon mercato e facilissima da cucinare è la lonza.
      Prendo il pezzo e lo taglio sottile, ne faccio tanti pacchetti e la surgelo.
      Proprio ieri sera l'ho cucinata semplicemente in padella, ho infarinato le fettine ( una a testa anche se piccole), le ho fatte rosolare
      ed ho aggiunto tanti fagioli piccoli e teneri.
      Ho accontentato piccoli e grandi con un piatto unico.

      Elimina
    3. Posso chiederti quanto la paghi al chilo?

      Elimina
    4. Io la pago tra i 4,50 e i 4,90 al chilo. Riesco ad ottenere davvero tante fettine da un pezzo da 1 chilo.
      Ieri sera ho fatto 6 fettine ...circa 3 etti.
      Sono un po' piccole, ma mettendoci 2 scatolette di fagiolini cannellini (da 0,29 l'una) un po' di "pucina" con un pochino d'acqua e mezzo dado abbiamo mangiato bene lustrando anche il piatto con il pane ( che ovviamente mi hai insegnato a fare tu!)

      Elimina
    5. Il prezzo è niente male!! Comunque il segreto è proprio non rendere la carne la protagonista di un pasto ma ridurla ad accompagnatrice di altre pietanze più a buon mercato! Immagino proprio che sarà stata buonissima con i fagioli!

      Elimina
  4. Io mangio poca carne, preferibilmente di pollo, e mi piacerebbe riuscire a smettere di mangiare anche quel poco; non tanto per risparmiare (ormai sono intoccabili anche le verdure, almeno qui a Bergamo), quanto perché l'idea di cibarmi di animali morti mi fa specie. Comunque il tuo blog è davvero interessante, complimenti! Mi sono iscritta e tornerò a trovarti presto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lucia, mi fa piacere! A presto!

      Elimina
  5. Seguo il blog da meno di 24 ore (lo ho appena scoperto si) ma siete veramente le persone che stavo cercando, con idee sensate e quella voglia di vivere in modo più equo e semplice che anch'io provo da qualche anno.
    Complimente all'autrice per le idee che mette nero su bianco (a proposito come ti chiami?).
    Per quanto riguarda la carne, anch'io provengo da una famiglia di carnivori ma vivendo da solo ora sto cercando di limitarne il consumo apprezzandola maggiormente in quelle poche occasioni (niente di chè, una max due volte a settimana). Devo ammettere che se anche la prospettiva di risparmiare mi va molto a genio, lo farei anche per motivi salutistici, etici ed ecologici. A volte rimpiango le abbuffate di carne alla griglia (e di vinello ;)), ma se voglio continuare a stare bene con me stesso non ho altra possibilità se non un approccio più sensato e ragionato col cibo e col vivere quotidiano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ribadisco che mi fa piacere, un paio di anni fa prima di avere il blog pensavo di essere l'unica ad avere queste idee in testa :-). E grazie, mi chiamo Pamela. Ci sono molti motivi per voler rinunciare alla carne, in generale penso che sia una buona decisione. E davvero si risparmia tantissimo a farne a meno. Guarda il mio post sull'alimentazione sana e frugalità di qualche giorno fa...

      Elimina
  6. Io sono vegetariana, da più di due anni, anzi sono quasi vegana. Prima di tutto per un discorso etico, di amore e rispetto per gli animali.
    In secondo luogo trovo che ci sia anche un notevole risparmio.
    I legumi sono la mia base proteica, ho scoperto che si possono fare ragù di lenticchie; polpette e burger di fagioli, ceci piselli ecc. ; si possono aggiungere legumi cotti all'impasto della focaccia per renderla più proteica. Sono una risorsa infinita (adirittura con i fagili cannellini si possono fare ottimi budini dolci!) cercate nei vari siti vegani.
    Le noci e frutta secca li trovo a vari prezzi anche nei discount. E così anche il latte di soia (la soia però la prendo solo biologica).
    Come sostituto della carne ho imparato a fare il seitan, ricavando il glutine dalla farina (su you tube trovate vari video).
    Insomma mi sento molto bene con la mia alimentazione e sopratutto sento che la mia impronta in questo mondo crudele è molto più leggera!
    Consiglio a tutti di diventare veg(etari)ani go vegan!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marta! Sono già sulla buona strada per eliminare forse del tutto la carne... È vero essere vegetariani non comporta poi alla fine tanti sacrifici, e si risparmia davvero tanto!

      Elimina
  7. Arrivo con qualche mese di ritardo!!! Io seguo una dieta quasi totalmente vegana non compro, non cucino e non ordine proteine animali ma se sono da amici accetto che ci siano uova o latticini perchè apprezzo comunque lo sforzo di chi per me a cucinato senza carne e pesce! Si risparmia?? Mooolto! Ci possiamo permettere frutta, verdura, legumi e farine biologiche che prima mi sognavo, direi che sulla nostra tavola l'80 % dei cibi è bio! E si risparmia in salute... non è un mistero che eliminare soprattutto carne e formaggi e consumare tantissimi ortaggi e frutta migliora notevolmente la salute, questo vuol dire meno malattie, meno giorni persi a letto, meno medici e farmaci... tutte cose che hanno un costo, a lungo andare non solo economico. E poi se ci pensi la base della frugalità è il rispetto, per il cibo, il lavoro, il denaro e credo lo sia anche per gli esseri viventi. Per me è semplice oggi vivere così perchè sto bene e sono serena, mi rendo conto che chi ama molto la carne può fare a fatica ma pian piano prima un pasto, poi una giorno a settimana, poi due, quando avremo la pelle splendente e il portafogli pieno capiremo che ne vale la pena! Ciao! E complimenti per il blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Caterina, e condivido appieno! In effetti noi siamo diventati vegani ormai, direi al 99%, cioè con alcune eccezioni molto rare in cui mangiamo uova e latticini. :-)

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...