lunedì 11 giugno 2012

Come usare le risorse naturali di un giardino per risparmiare

Normalmente si pensa che per creare un giardino o anche un orto bisogna spendere chissà quanto in materiale, piante, semi ecc., ma se si guarda bene, il giardino di per sé è un pozzo di ricchezze. Imparando a vedere queste ricchezze e ad usarle potremmo apportare un nuovo risparmio alle nostre finanze. E questo è uno dei capisaldi della frugalità: non solo riuscire a fare con ciò che si ha, ma anche scoprire che in realtà si ha molto di più di ciò che si crede, e il giardino ne è una prova. Sicuramente le ricchezze spaziano e variano da regione a regione. Ecco quello che io ho scoperto di avere:


Piante edibili selvatiche: nel mio giardino si possono trovare cipolle selvatiche, acetosella, portulaca, e cicoria. E questo è solo quanto ho scoperto finora, ma probabilmente ci sono più piante edibili. Queste piante posso lessarle e cucinarle in vari modi, e anche farne scorta e metterle in freezer. È una risorsa di cibo che mi regala la natura senza averla dovuta piantare!

Alberi da frutto: nel giardino ci sono un ciliegio, un fico, un melograno, un albicocco, un albero di prugne e un mandorlo. A parte il mandorlo tutti gli altri producono, e quindi ho dovuto imparare a raccogliere in tempo i frutti e a elaborarli in marmellate per conservarli. In questo modo ho frutta fresca di stagione gratis e marmellata per tutto l’anno!

Altri arbusti: nel mio giardino ci sono molte piante di alloro. Ora l’alloro, oltre che ad essere ottimo per cucinare o per farne delle tisane, è una pianta che brucia molto bene quando è ancora verde, per l‘olio che le foglie contengono! Avendo tante piante, riesco ad avere una buona scorta di rami da bruciare nel camino tutto l'inverno, specialmente per aiutare il fuoco ad accendersi. In più l’aroma che sprigiona è meraviglioso.

Terra: se ho bisogno di piantare dei semi in vaso, invece di comprare la terra, la prendo direttamente dal giardino! Ora, è ovvio che la terra del vivaio è forse più ricca di minerali, ecc, e sicuramente anche priva di qualsiasi seme, ma se si lascia la terra presa dal giardino in un vaso per un paio di settimane e si tolgono poi tutte le piantine che nascono, si può aggiungere un po’ di concime per avere una buonissima terra dove piantare i semi.

Legna: Quando è il momento di potare le piante e gli alberi, tutti i rami vanno a finire nella catasta della legna del caminetto. Che siano ciocchi grandi o rami sottili, noi bruciamo tutto, e questo contribuisce al risparmio della legna da ardere.

Fiori: ho tre piante di rose nel giardino, ma anche se non ne avessi, ci sono fiori di campo spontanei che crescono in vari periodi dell‘anno, e sono bellissimi! Per esempio i fiori della cicoria si schiudono la mattina presto e nella luce ancora lieve danno un colore azzurro stupendo. A noi piace guardare queste meraviglie della natura che ci ritroviamo ad avere senza aver speso nemmeno un soldo in piante da fiore al vivaio.

Nuove piante dalle ricrescite: ogni pianta che abbiamo ha delle ricrescite intorno e quindi se vorremmo averne di più potremmo benissimo prendere quelle senza doverne comprare. In più molte piante si possono moltiplicare asportandone un ramo e interrandolo. Basta solo avere un po’ di conoscenza di giardinaggio e si può risparmiare molto sull’acquisto di nuove piante (sempre che non si voglia comprare qualcosa che non si ha ovviamente!)

Semi e  piante che si autoproducono: dai frutti dell’orto si possono conservare i semi e ripiantarli l’anno successivo senza doverne comprare dei nuovi. Inoltre ho visto che alcune piante di pomodori sono rinate in posti dove le avevo piantati l’anno scorso, a causa del fatto che probabilmente dei semi di frutti erano caduti lì allora. E quindi mi ritrovo con piantine in più di ciò che quest’anno ho piantato!

Concime: pur non avendo un compost, alcuni punti del mio giardino raccolgono il più delle foglie e delle erbacce e l’anno successivo quella terra è più ricca di quella di altre parti. Per questo si può usare come concime da mischiare alla terra dell’orto.

Paglia: o fieno direi. Tutta l’erba che viene tagliata viene posta in un luogo del giardino a seccare. Si può usare per la pacciamatura dell’orto, e anche se nasconde semi e quindi non impedisce al 100 % l’insorgere di nuova erbaccia, è buona per mantenere il terreno più umido.

Ecco quindi svelate alcune ricchezze del giardino! E voi cosa avete trovato nel vostro?


(Se ti è piaciuto questo post, puoi seguirmi su Facebook o iscriverti via e-mail, per ricevere tanti altri consigli frugali!)

8 commenti:

  1. E' già una grandissima fortuna avere un giardino se poi a questo si aggiungono le piante spontanee ancora meglio. Io ho due alberi di arance, mandarini, limoni, adesso raccoglierò le prugne, e poi basilico, alloro, erba cipollina, rosmarino e quest'anno anche le zucchine, oltre ad alberi molto alti e fiori!!!! Le mie amiche dicono povera te che abiti fuori città ma io sono felicissima!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello Mariangela! Anch'io sono felice di vivere in campagna e non potrei immaginare un posto migliore!

      Elimina
  2. Bellissimo post!
    Quest'anno da me sta facendo furori la borraggine! Io la adoro, nella frittata e nelle insalate è una meraviglia!

    Fra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francesca! È davvero meraviglioso ritrovarsi con piante spontanee che si possono usare in cucina! Un abbraccio!

      Elimina
    2. E a proposito....ci sono nate 20 piantine di pomodori così..in mezzo al campo...credo sia dovuto al compost che abbiamo fatto lo scorso anno e che abbiamo sparpagliato sul terreno in primavera! Che benedizione!

      Fra

      Elimina
    3. Sì, è incredibile, vero? Prendiamolo come un regalo dal cielo! :-)

      Elimina
  3. grazie a te cara che sei passata a trovarmi nel mio blog
    ..è bello ammirare i fiori di campo, a volte essendo considerati piante erbacee non vengono apprezzati, e si preferisce altri fiori più comuni...ma la semplicità a volte regala colori bellissimi e allegri come questo giallo oro!
    e come spieghi anche tu in questo tuo post, avolte abbiamo molto di più di quello che si crede! ww la natura!
    grazie valeria dal blog un truciolo

    RispondiElimina
  4. Mi dimenticavo la mia cucina...io amo le frittate, 5 uova
    - una manciata di prezzemolo
    - una manciata di punte d'ortiche
    - poche foglie di spinaci
    - una cipolla
    - una piantina d'aglio giovane,
    oppure 3 spicchi
    - formaggio grattugiato
    - sei o sette foglioline di menta
    nostrana
    - olio e sale
    oppure inserisco anche le punte dei "Luvertin", il finocchio selvatico, gli spinaci di montagna.... baci valeria ancora dal blog un truciolo e se vuoi ti spiego cos'è il luvertin?

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...