venerdì 3 agosto 2012

Spreco Zero (Zero Waste)

Ormai va di moda lo "Zero Waste", che principalmente si riferisce al riciclo dei rifiuti, ma che secondo me va molto oltre, e comprende anche la capacità di non produrli proprio i rifiuti… comunque già riuscendo a ridurre i rifiuti che produciamo giornalmente non solo fa bene all’ambiente, ma fa anche risparmiare tantissimo, perché in essi qualche volta troviamo proprio delle vere e proprie “ricchezze”…




Prima di condividere con voi consigli e suggerimenti, di come ridurre al minimo i rifiuti, vorrei parlare di qualcosa che è un vero e proprio miracolo vivente, e che ha il nome di “Austria”.
Allora, dal punto di vista del riciclo dei rifiuti (e anche da tantissimi altri punti di vista) l’Austria è incredibilmente all’avanguardia. E questo non solo per le strutture, per le aziende e le iniziative regionali che lo supportano, ma anche perché l’ordine, la pulizia urbana e il riciclo sono insiti nella mentalità degli austriaci, tanto che sarebbe impossibile per loro fare altrimenti.

Perché vi parlo dell’Austria? Perché ci ho vissuto per ben 17 anni e ho potuto appurare, tra le altre cose, "l’alto grado di riguardo per l’ordine dello smaltimento dei rifiuti" di questo popolo… Ora immaginate, una ragazza di vent’anni, romana, che arriva in Austria, ignara dei costumi locali, che si avvicina ai bidoni della spazzatura austriaci, tutti di diverso colore, con una busta di “spazzatura indefinita” in mano, mentre cerca di capire quale sarà il bidone giusto, e mentre i vicini di casa, DALLA LORO FINESTRA, guardano e aspettano che lei apra il bidone sbagliato, per dar via ad uno sbaragliamento di insulti e di intimidazioni, che QUESTE COSE NON SI FANNO, e che LA SPAZZATURA VA DIFFERENZIATA, e che LA CARTA NON SI BUTTA NEI RIFIUTI GENERALI, ecc, ecc.

Vi assicuro che mi è successo, e non solo una volta… :-) Allora ho DOVUTO imparare a differenziare, pena la morte o almeno lo sdegno di tutto il vicinato…

Con questo vorrei far capire, come ho potuto constatare di persona vivendo tanto tempo con loro, che gli austriaci fanno la raccolta differenziata perché questa È LA LORO MENTALITÀ. E questo mi dice che per fare una cosa buona, una cosa giusta a livello nazionale, che abbia delle ripercussioni positive a lungo termine, non basta solo la buona volontà, ma anche la costanza, la convinzione e la pratica, fino a far diventare questa cosa una normalità nella nostra vita quotidiana. E tante cose in Italia non funzionano perché non si va a fondo, perchè anche se c’è entusiasmo iniziale, ci si scoraggia e si lascia lì.
Speriamo quindi che anche da noi un giorno il riciclo diventi una “seconda natura” e che le iniziative di riciclaggio siano la norma e non dei casi disparati, limitati solo ad alcuni comuni d’Italia.

Detto tutto questo, come possiamo riciclare i nostri rifiuti in modo da diminuire il più possible il loro smaltimento nell'ambiente? Possiamo, nei limiti del possible riutilizzarli, e nel fare ciò potremmo anche risparmiare non poco, creando degli oggetti che non avremo più bisogno di comprare. Quello che non si può riutilizzare sarebbe buono smaltirlo in maniera differenziata, in modo che le aziende che si occupano di raccogliere questi rifiuti possano riciclarli a loro volta.

Ecco alcune idee per riutilizzare i nostri rifiuti:

Rifiuti organici: in particolare i resti vegetali non cotti si possono riciclare nella compostiera, se avete un giardino, oppure se la vostra regione/provincia lo prevede, potete smaltirli nel bidone apposito. Fate attenzione però a cosa buttate, perche alcune bucce di verdura si possono mangiare!

Carta: se avete un camino, allora non dovrete mai più buttare la carta, perché vi servirà per accenderlo! Altimenti, potete riciclare la carta in questo modo: i fogli A4 che sono bianchi da una parte, potete riusarli per scrivere appunti o per pianificare qualcosa o per farci disegnare i bambini. Lo stesso vale per altri fogli di carta di altre taglie, magari creando dei piccoli block-notes. Inoltre con la carta si possono fare dei mattoncini che si possono bruciare nel camino: si straccia la carta, si mette a mollo nell’acqua per 24 ore e poi si pressa a forma di mattoni e si lascia asciugare.

Cartone: si può usare per il camino, naturalmente, o per fare vari progetti con i bambini, che spesso quando serve il cartone non c'è mai in casa! Con il cartone si possono anche costruire scatole di varia grandezza che useremo per riporre oggetti della casa.

Scatole per le scarpe: non le buttiamo! Se le ricopriamo di carta da regalo o di stoffa si trasformeranno in bauletti per metterci qualsiasi cosa!

Bottiglie di plastica: ci sono infiniti riusi con le bottiglie di plastica, eccone alcuni: tagliandole a metà, si possono mettere sul terreno per coprire una pianta (come i pomodori per esempio) se si teme ancora il gelo; si può tagliare la parte superiore e usarla come imbuto; si possono fare dei buchi nel tappo e trasformarla in un annaffiatoio.

Bottiglie di vetro: quelle della passata possono diventare dei bellissimi vasi per i fiori, oppure le potete riusare per le passate di pomodoro che fate in casa. Le bottiglie dell’olio le potete riutilizzare appunto per l’olio se cominciate a comprarlo in lattine o maggiori quantità, che così forse costa anche meno.

Contenitori di plastica: se hanno il coperchio e sono imballaggi di cibi, si possono utilizzare per conservare cibi in frigo o in freezer.

Buste di plastica: quelle comuni naturalmente per l’immondizia, ma quelle della frutta e verdura si possono utilizzare come sacchetti per il freezer. A questo scopo io uso anche le buste di plastica della pasta, da 500 gr e da 1 kg, ma non ci metto liquidi perché purtroppo non sono quasi mai chiuse ermeticamente.

Tetra pack: ovvero contenitori del latte e dei succhi. Si possono utilizzare come vasi per far nascere le piantine da mettere nell’orto, o si possono dipingere esternamente e usare come contenitori aperti per qualsiasi cosa.

Barattoli di latta: con i barattoli dei fagioli, piselli ecc. possiamo per esempio costruire delle bellissime lanterne, se facciamo dei buchi lateralmente, oppure possiamo trasformarli in porta oggetti o portapenne.

Barattoli di vetro: usiamoli per le conserve per preservare marmellate, sughi e verdura. In questo modo eviteremo di comprare i contenitori di vetro nuovi.

Retine della frutta e verdura: si possono appallottolare e legare e trasformare in efficienti spugne per lavare i piatti.

Insomma ci sono tantissimi modi per limitare lo spreco. Cerchiamo di metterli in pratica e avremo non solo risparmiato ma anche contribuito ad un mondo più pulito!

Voi riciclate i vostri rifiuti? Il vostro comune ha un programma di smaltimento differenziato di rifiuti?

(Se ti è piaciuto questo post, puoi seguirmi su Facebook o iscriverti via e-mail, per ricevere tanti altri consigli frugali!)

10 commenti:

  1. Grazie per questo post, dove abito io (zona turistica) non ti dico quello che c'è per strada. Sapessi come rimango male ogni volta che devo buttare la plastica!!!! Fino a qualche tempo fa avevamo il ritiro porta a porta adesso il Comune non fa più niente! Ma non esistono i bidoni per la differenziata, i cartoni vengono lasciati per strada e poi bruciati, sono veramente neraaaa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, è un disastro. Da me ci sono i bidoni della differenziata solo in centro, ma fuori città non c'è niente a parte quelli normali, e sono troppo pochi per la gente che vive qui!

      Elimina
  2. per fortuna da noi c'e' la differenziata oramai ovunque, anche nelle zone limitrofe non c'e' comune anche piccolo in cui non si trovano tutti i bidoni compreso quello dell'umido!
    sono molto contenta di questo.
    Che dire cerco di riciclare di tutto...comprare cose che abbiano zero imballaggio, ma non sempre è possibile...
    Sono contenta mi hai dato una bella idea ..ho giusto qui un vaso della conserva di pomodoro e voglio studiare come abbellirlo per trasformarlo in un vaso originale per i fiori!
    a presto

    RispondiElimina
  3. il nostro comune ha il porta a porta e abbiamo chiesto il compost per mettere quello organico... Ottimo fertilizzate per i campi ottime le tue idee e alcune me le sono appuntate

    RispondiElimina
  4. Davvero un post interessante e molto molto istruttivo.... complimenti!
    Credo che ognuno di noi dovrebbe impegnarsi a riutilizzare i propri scarti, laddove è possibile naturalmente, e a riciclarli correttamente. In questo modo si eviterebbe che un gran quantitativo di rifiuti finisca in discarica o, peggio ancora, bruciato negli inceneritori, con grande guadagno per l'ambiente e per la salute dell'uomo.
    Imparare a riusare e a riciclare, significa far del bene a noi stessi e a tutta la società.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, grazie Marco, speriamo che in futuro tutti facciano così!

      Elimina
  5. Sia dove vivevo 4 anni fa che dove vivo ora c'è il porta a porta e se fai il compost in casa, cioè non chiedi il bidone per l'umido, hai un piccolo sconto sulla tariffa..

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...