martedì 13 novembre 2012

Cucinare con il camino

Questi ultimi giorni mi sono avventurata in una cosa che non avevo mai fatto. Stavo già considerando se ci fossero altri modi per risparmiare sul gas per cucinare, e volevo cercare di far durare il più possibile la mia bombola. In estate un ottimo metodo è quello di usare il forno solare, il ché mi lascia però d'inverno con nessun'altra soluzione. Beh, la soluzione l'ho trovata!


Naturalmente avevo già considerato di cucinare nel camino. Mi ricordo da bambina, se capitava di andare in qualche baita in montagna o da conoscenti della mia famiglia che avevano un camino, che spesso si sfruttava l'occasione per cucinarvi le salsicce. Quando sono venuta ad abitare in questa casa e ho cominciato ad usare il camino per riscaldarci, il pensiero mi ha effettivamente sfiorato la mente. Ma non avendo gli attrezzi giusti, o esperienza, mi sembrava piuttosto arduo. E poi ho provato a guardare in internet per trovare consigli in merito,  con il risultato che a dirla di alcuni è abbastanza pericoloso e non ne vale la pena.

Certo, non ne vale la pena per chi non ha bisogno di risparmiare, o per chi comunque giustamente non se la sente. Infatti io ho abbandonato subito l'idea.

Passati almeno 3 anni, qualche giorno fa guardando il camino ho deciso di provare e vedere se in effetti funziona. Beh, non solo funziona, ma è un ottimo modo per cucinare a costo zero.

Cosa ho cucinato? Allora, a parte riscaldare l'acqua per lavare i piatti, ho fatto più volte il tè, ho cucinato vari tipi di pasta, delle verdure, delle scaloppine vegetariane, ho cotto i fagioli (che erano secchi), ho cucinato una zuppa, una frittata, e naturalmente ho fatto il pane! Non male come inizio!

Come ho fatto? Principalmente ho usato la brace che rimane dall'aver bruciato la legna come fonte di calore, e ho messo sopra una grata con dei piedini, dove ho poggiato pentole e padelle. A volte ho usato invece legna accesa. È importate pensare a quale tipo di fuoco serve (forte o leggero) rispetto a ciò che si vuole cucinare, perché il camino non ha la manopola per regolare ;-)

È pratico? Beh, non proprio. Devo stare china, ma lo sono comunque per stare dietro al fuoco del camino più volte al giorno.

È pericoloso? SÌ, È PERICOLOSO! Ma io prendo ogni precazione possibile e immaginabile e faccio molta attenzione.

Questa quindi è proprio un'avventura per me. Mi piace tanto l'idea di poter cucinare con il fuoco del camino, che è comunque acceso per riscaldare la casa. E mi piace l'idea di imparare qualcosa che gli antichi hanno fatto per secoli, sapendo che in caso di emergenza so come muovermi.

Ero molto ansiosa quindi di condividere questa notizia con voi, ma ero allo stesso tempo un po' titubante. Devo quindi fare un disclaimer per chi si sentisse ispirato a fare altrettanto:

  1. CUCINARE SUL FUOCO DEL CAMINO È MOLTO PERICOLOSO
  2. NON INDOSSATE INDUMENTI E ACCESSORI INFIAMMABILI NELLE VICINANZE DEL CAMINO. 
  3. NON TENETE ASSOLUTAMENTE NESSUNA SOSTANZA INFIAMMABILE VICINO AL CAMINO. 
  4. ASSOLUTAMENTE NON CERCATE DI ACCENDERE O INCREMENTARE IL FUOCO USANDO L'ALCOOL!!!!!!!!!!

NON POSSO ESSERE RITENUTA RESPONSABILE DI DANNI CAUSATI ALLE PERSONE O ALLE COSE IN SEGUITO ALLA PUBBLICAZIONE DI QUESTO POST!!!

Ok, mi sento meglio... Alla prossima :-)

(Se ti è piaciuto questo post, puoi seguirmi su Facebook o iscriverti via e-mail, per ricevere tanti altri consigli frugali!) 

17 commenti:

  1. economico, gustoso e anche romantico! Piacerebbe anche a me cucinare sul camino. Se lo avessi avuto non avrei aspettato tanto come te! Baci marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dire che una volta presa la mano non è neanche così faticoso! Crea davvero tutta un'altra atmosfera, come essere in altri tempi! Ciao!

      Elimina
  2. Mi hai fatto tornare indietro nel tempo, quando ero piccola si usava moltissimo il camino per cucinare! Dal camino scendeva una grossa catena di ferro ormai annerito a cui si appendeva il paiolo, di rame e di ghisa (e anch'esso rigorosamente nero all'esterno ma pulitissimo e lucente all'interno) si cucinavano soprattutto i bolliti, il minestrone e la polenta..ma anche le castagne e tante altre cose buone! Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che meraviglia! hai sempre belle cose da raccontare! Sarebbe super avere la possibilità di appendere una pentola ma il mio camino non è adibito purtroppo. Grazie e ciao!

      Elimina
  3. ...il pane nel camino??????? devi dirci come hai fatto!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao sono di nuovo io.... vorrei davvero sapere come si fa a cuocere il pane nel camino, me lo spieghi? io ho un camino che quest'anno sto facendo lavorare come non mai....se riuscissi anche a cuocerci il pane sarebbe il massimo!!!

      Elimina
    2. Cara Lucia, scusami se ti rispondo solo ora. Posterò senz'altro il mio pane in padella prossimamente. Nel frattempo però ti dico che io uso una pendola speciale che fa circolare il calore anche in superficie. Con questa padella faccio il pane sul fornello e qundi anche allo stesso modo nel camino. Non ti assicuro una buona riuscita, ma potresti provare con una padella o pentola in ghisa o simili che si chiuda bene, e farci cuocere la pasta del pane su una brace non troppo viva. Poi a metà cottura giri il pane per farlo cuocere anche dalla parte di sotto. Anche il mio pane viene comunque piatto, tipo ciabatta. Ciao!

      Elimina
    3. Grazie mille della spiegazione....non ho ben capito che tipo di pentola usi però....qualcosa tipo il fornetto campagnolo che si usa per fare il ciambellone sul gas? quel tipo di pentola mi sembra abbia i buchini sopra per far circolare l'aria.....

      Elimina
    4. È una padella nera tipo ghisa, che ha un coperchio con un filtro speciale che fa girare l'aria. Comunque se mi parli del "fornetto della nonna" allora io penso che sarebbe adattissimo a fare il pane sulla brace! Non ho mai provato perché non ce l'ho, ma se funziona sul fornello allora funziona anche nel camino! Chissà che me lo possa regalare prossimamente... :-) Il mio post sul pane in padella arriverà presto comunque!

      Elimina
  4. nella nostra nuova casa metteremo un bel camino nuovo di zecca, e li ne vedremo delle belle :)
    ho già in mente di utilizzare vecchi tegami dei nonni di mio maritotigre !!!
    non vedo l'ora!
    ma se ne parla per il prossimo inverno...
    meglio tardi che mai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avrai tempo per sperimentare a più non posso! Auguri per la tua nuova casa!

      Elimina
  5. Il riscaldamento con il camino mi incuriosisce perché pur vivendo in città e al primo piano ho un piccolo camino in una stanzetta vicino alla camera da letto. In realtà credo che per me sia complicato perché il fuoco va sempre controllato. Io invece non sto molto in casa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il camino si può accendere solo se si sta in casa in effetti. Ma quando ci sei, perché no? Dà davvero un calore diverso.

      Elimina
  6. Il fornetto della nonna è ottimo per il pane è in alluminio da noi al mercato non supeta i 15 euro

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...