lunedì 3 dicembre 2012

Risparmiare con la televisione


Il titolo potrebbe anche essere, come risparmiare sulla televisione. E qui non intendo assolutamente consigliare su come acquistare a poco un televisore in offerta o cose del genere. Mi riferisco soprattutto al danno economico che questo “aggeggio”, considerato, non a torto, il migliore amico dell’uomo, provoca nelle case, nelle famiglie, e nell’individuo moderno di massa. Ma vediamo cosa intendo dire più precisamente.

La televisione è stato il primo importante elemento, dopo la radio, ad introdurre la grande era dell’informazione nel XX secolo. Grazie a “lei” oggi sappiamo tutto di tutto, e la sua efficacia è stata solo raggiunta da internet, provocando così tra l’altro una doppia dipendenza collettiva.

Quindi si deduce che la televisione sia stata una cosa buona. Ma io personalmente ne dubito. A diffondere le notizie sono sempre stati capacissimi i quotidiani.

Di conseguenza togliendo alla TV la funzione informativa, che cosa rimane? Un mezzo di intrattenimento a mio avviso abbastanza nocivo per la psiche e l’intelligenza umana e soprattutto per il portafoglio.

Come si fa quindi a risparmiare con la televisione (o sulla televisione)? C’è solo un modo: SPEGNENDOLA. E per sempre.

Ecco le mie ragioni:

  1. Una volta la televisione non c’era e si viveva benissimo anche senza.
  2. La pubblicità televisiva vi porta a spendere!!! Le agenzie di pubblicità sono dirette da esperti di psicologia che SANNO benissimo come impostare uno spot pubblicitario per indurre la gente a comprare. Se non guardate la pubblicità, non saprete niente dei prodotti ed è più facile che non li compriate. È molto semplice.
  3. La televisione consuma energia elettrica. Se si entra nell’ottica che è un consumo che riguarda non una necessità ma una cosa superflua e se si tiene conto che la televisione in genere è accesa per delle ore, ci si accorge che lo spreco a fine mese è ingente. C’è gente che tiene la televisione accesa tutto il giorno anche senza guardarla! Mi è capitato più volte di essere ospite in case in cui il pomeriggio c’era la televisione accesa di sottofondo! Estremamente fastidioso non vi pare? Soprattutto se si vuole fare una bella chiacchierata. Per non parlare di pizzerie e ristoranti che hanno la televisione accesa appesa in alto e anche ad alto volume!
  4. E poi i bambini sono molto più suscettibili a credere alle pubblicità, assorbendo quindi come normale una mentalità di consumismo e chiedendo di più.
  5. La corsa a chi ha la televisione più grande e lo schermo più sottile. La funzione del televisore non cambia assolutamente rispetto alla sua grandezza! Perché spendere soldi per averne uno più alla moda??

Altre ragioni non riguardanti direttamente il fattore economico:

  1. Insieme a informazioni e spot pubblicitari la televisione fornisce programmi di bassissima qualità che influenzano negativamente la mente di ogni persona normale che li guarda.
  2. In più alcuni programmi vengono trasmessi al solo scopo di influenzare la gente riguardo a idee politiche o quant’altro. Non c’è bisogno che ve lo dica io.
  3. La televisione nuoce ai bambini, e al 100%. Questo perché i programmi o i cartoni animati che vedono non sono sempre adatti alla loro età. Forse sarò all’antica, ma non ho capito perché devo far vedere a mia figlia piccola programmi di lotte interstellari, morti ammazzati, sparatorie, ecc. per non parlare dei polizieschi e dei film gialli o dell’orrore. Tutte queste cose rimangono nella mente dei bambini, anche a livello inconscio, creando uno stato latente di paura che influenza poi il loro comportamento quando saranno adolescenti e da adulti. La futura generazione vogliamo che sia forte per affrontare il domani, non vogliamo indebolirla con storie trucide che non fanno altro che far perdere loro la fiducia nella vita e la speranza di poter cambiare qualcosa nel futuro. In più la televisione rende passivi i ragazzi abituandoli alla pigrizia e alla svogliatezza.
  4. Per le notizie possiamo utilizzare internet, soprattutto dal momento che al giorno d’oggi tutti o quasi sono giornalmente collegati in rete.
  5. E i documentari? Per favore non mi venite a dire che la televisione è buona per guardare i documentari!!!!! E non mi dite neanche che l’accendete SOLO per far guardare quei bei documentari ai vostri figli! NON CI CREDO! Non credo che ci sia anche solo una persona al mondo che lo faccia! I documentari sono l’1% di ciò che si guarda effettivamente. Per i documentari ci sono dei bellissimi dvd se li cercate, di tutti i tipi, fatti molto bene e molto educativi. Consiglio di investire lì o di guardare in biblioteca cosa c’è.
  6. La televisione invade la vita familiare in modo subdolo ma effettivo, creando forte dipendenza. Anche se siete cresciuti con la televisione e vi sembra una cosa normale, non significa che sia saggio continuare a guardarla. C’è chi lo fa per rilassarsi, ma ci sono tante altre attività rilassanti che si possono fare e che non creano i danni della televisione.
  7. La televisione, creando dipendenza, toglie tempo alla vostra vita, per connettervi con la famiglia, i figli, per poter pensare e creare qualcosa invece che sprecare ore e ore giorno dopo giorno in modo passivo e del tutto inutile. Leggete un libro, fate una passeggiata, prendete un caffè con un’amica, fate i compiti o giocate con i vostri figli o passate una serata con vostro marito (o moglie). E i film? Li prendete dalla videoteca o dalla libreria, dove avrete più ampia scelta e potrete selezionare un film più adatto a chi guarda. Fate una serata video con una bella pizza fatta in casa e popcorn e così avrete anche creato una nuova tradizione in famiglia.

La mia esperienza? Io sono cresciuta guardando film e programmi di tutti i generi la sera, e cartoni animati tipo Mazinga, Goldrake, Candy Candy, e compagnia bella i pomeriggi. Li ho visti tutti. E una volta adulta, con mia figlia piccolissima, un lavoro, e gli studi all’università mi sono detta: che ci faccio io qui davanti alla televisione di pomeriggio a vedere una serie più inutile dell’altra? Non voglio che mia figlia viva come ho vissuto io. E quindi l’ho spenta. E non l’ho più guardata da 15 anni ormai. Io uso il televisore solo ed esclusivamente per guardare dvd, e questo succede in media una volta alla settimana. Mia figlia è cresciuta senza questo influsso, ma vi assicuro che è perfettamente normale, ha ottimi voti a scuola (liceo classico) e anche molti amici, è una ragazza spigliata, aperta e soprattutto senza complessi.

Allora, provate per un paio di serate o una settimana a starne senza e vedrete la differenza! Riprendetevi la vostra vita!

Com'è il vostro rapporto con la televisione? Sareste disposti a spegnerla per vivere una vita più semplice?


 (Se ti è piaciuto questo post, puoi seguirmi su Facebook o iscriverti via e-mail, per ricevere tanti altri consigli frugali!)

14 commenti:

  1. umm, non so, non penso di poterne fare a meno...guardiamo poco i canali tradizionali, più che altro i canali di documentari di sky e quelli di cartoni per i bimbi piccoli..(barbapapà e peppapig sono i preferiti di Pietro)ma proprio non averla...non so ci devo riflettere...
    Ti farò sapere, Grazie per lo spunto di riflessione!

    RispondiElimina
  2. Argomento complesso... anche se in linea di massima.. la penso come te quasi su tutto.. però non credo sia giusto eliminarla in modo drastico..è un aggeggio dei giorni nostri come molti altri.. e credo che si debba usare con moderazione usando il cervello.. dico questo perchè avendo mamma e suocera anziane e sole, se non avessero la televisione sarebbero completamente escluse.. e per loro è una reale compagnia.. al di là delle informazioni che possono essere distorte o meno.. a loro serve, per quanto ci sia movimento famigliare intorno a loro per forza di cose avrebbero momenti della giornata in cui i pensieri invaderebbero le loro menti. Chiaramente x quanto riguarda noi, con qualche anno in meno e le nostre famiglie.. se metti regole e orari e abitui i figli a questa normalità che sicuramente fa bene ai nostri cervelli.. e credo proprio che non sia un problema.. in sostanza se semini bene raccoglierai buoni frutti.. penso sempre che il giusto stia a metà di ogni cosa...;)

    RispondiElimina
  3. Che bello il tuo blog, ci fa pensare che noi possiamo ancora scegliere. Scegliere di passare le serate a parlare o a leggersi un libro (a volte d'estate ci sediamo fuori e mia figlia mi legge un libro mentre io lavoro a maglia), insomma scegliere di fare, o avere, delle cose non perché ci dicono che dobbiamo farle, o averle. E' vero la TV è una compagnia per le persone che vivono sole, ma per il resto sono d'accordo, almeno sul fatto di decidere che cosa guardare e guardare solo quello, non certo averla per tenerla accesa. Grazie per averci fatto conoscere la tua visione della vita, e anche per i tuoi preziosi consigli!

    RispondiElimina
  4. Ecco il mio tasto dolente...la TV!
    Premetto che non sono così determinata come te a farne a meno del tutto, ma purtroppo ne guardo piu' di quel che vorrei...
    Il fatto è che io sto gran parte della giornata da sola, mentre i bimbi sono a scuola, e fatte le faccende di casa, lavoro. Il mio lavoro consiste nel lavorare ai ferri sul divano... è bellissimo sferruzzare, è che per un po' riesco a far volare la mente, ma poi... devo accendere la tv per ascoltare!!!
    Mi annoio poi anche perchè non trovo programmi interessanti, spesso tutto è contro la frugalità e la semplicità che sto coltivando con la mia famiglia, ma davvero troppo sola con i miei ferri e la mia mente non riesco a stare!
    Adoro leggere ma... non posso mentre lavoro!
    Dovrei interessarmi per qualche audiolibro...hai qualche consiglio a riguardo? ovviamente... frugale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo gli audiolibri in genere costano come i libri normali. Guarda comunque questi due links:

      1. http://www.amazon.it/s/ref=sr_pg_1?rh=n%3A411663031%2Ck%3Aaudiolibri&sort=price&keywords=audiolibri&ie=UTF8&qid=1355771095
      2. http://www.ilnarratore.com/

      Calcola che per ascoltare tutto un libro ci vuole del tempo, quindi, forse potresti crearti un budget mensile non troppo alto e usarlo per questi libri. Poi ti consiglio di integrare magari con la radio e scegliere dei programmi interessanti o musica. Io personalmente non amo neanche la radio, ma sicuramente è meno invasiva della tele.
      Altrimenti, cerca di abituarti a lavorare senza niente, magari comincia con 20 minuti per qualche giorno e poi aumenta piano piano. Pensa come facevano le donne di una volta che lavoravano senza distrarsi...
      Che bello che lavori ai ferri... Ma lavori su commissione?
      Un abbraccio!

      Elimina
  5. Anche io credo nella gradualità, infatti sto tentanto un po' alla volta a rimanere con la mia lana, aggiungendo un po' di tempo volta con volta. In primavera è meglio, perchè si pio' uscire, mi trovo al parco con l'amica con cui condivido la passione per i ferri e... sferruzziamo all'aperto.
    Vado a vedere i link che mi hai suggerito, vedo se c'è qualcosa di interessante e abbordabile.
    Per quanto riguarda le mie cose di lana, mi farebbe tanto piacere se andassi a vedere il mio sito, magari mi dai il tuo parere... non ho tanta esperienza sul web. Io di solito faccio mercatini dell'artigianato, ma la gente iniziava a richiede un sito e quindi... e' nato www.langolodilana.it
    Fammi sapere se ti piace!
    Grazie dei tuoi consigl, sei davvero carina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho guardato il tuo sito e ti faccio i complimenti! Molto bello e ben organizzato. Ti auguro che i tuoi affari crescano e che portino frutto. Sono cose bellissime che fate e vi invidio! So lavorare a maglia un po', ma non sono molto brava! Ciao!

      Elimina
  6. ho appena scoperto il tuo blog..e mi piace tantissimo!!volevo portarti la.nostra esperienza...noi l'abbiamo tolta da ottobre e devo dire che la nostra vita é migliorata in maniera evidente!!anche se nn la guardavamo spesso, abbiamo riscoperto il piacere di leggere un buon libro..di ascoltare i racconti della nostra piccola ai pasti e di non surbirci quella chiassosa e invadente pubblicitá...se ogni tanto vogliamo vederci un buon film abbiamo i dvd sul computer..per quanto riguarda l'informazione..ci sono i cari vecchi quotidiani!!(riutilizzabili per la stufa in inverno!!;-))

    RispondiElimina
  7. Vivo da sola da due anni e per SCELTA non ho acquistato la tv: ho altre priorità, attualmente. Se poi proprio ho voglia di un film vado a vederlo da mio padre: un modo come un altro per stare insieme, ma di fronte a una tv normale, con uno schermo normale e una qualità di immagini altrettanto normale...secondo me se ne può senza dubbio fare a meno =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere Giulia, davvero lo trovo del tutto inutile!

      Elimina
  8. Pamela puoi consigliarci dei libri che ti piacciono in sostituzione di programmi noiosi e devastanti? io amo la vita semplice di una volta, sogno nelle prateria con laura....insoamma letture che ci riportino a quei tempi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, a parte i libri di Laura Ingalls che ti riportano in un mondo bellissimo e ispirano tantissimo a vivere una vita frugale (in inglese ma ce ne sono due in italiano), consiglio di leggere in generale letteratura di altri tempi, di autori americani o inglesi. Jane Austen è anche molto interessante. Una volta spenta la televisione e se cerchi, troverai delle belle cose. Ciao e grazie.

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...