mercoledì 6 febbraio 2013

Tagliatelle al ragù


Ecco un piatto classico della cucina italiana, famosissimo e uno dei più prelibati a mio avviso!! Beh, certo, non posso dire che questo piatto sia molto frugale, infatti da noi è abbastanza raro. Ma è un piatto tradizionale, e in occasione del mio Linky Party vorrei pubblicare la ricetta delle tagliatelle al ragù fatte da me (cioè rese un po' più abbordabili economicamente :-)). 

Quasi sempre, quando c'era una riunione familiare o durante le feste, Natale o Pasqua, mia nonna cucinava le tagliatelle o le fettuccine con il sugo di carne. Ma è un piatto così buono che certo non ci si stufa a mangiarlo, e per me è rimasto un piatto da gustare in occasioni speciali in grande compagnia. 

Mia nonna non faceva le fettuccine in casa. Lei non era una di quelle nonne supercasalinghe e supercuoche, come ce ne sono state tante, infatti, nata negli anni '20, dopo la seconda guerra mondiale cominciò a lavorare a tempo pieno, divenendo quindi un po' una sorta di "donna moderna"... Comunque, quello che cucinava lo faceva bene, e il sugo, per esempio, si faceva cuocere un bel po' sul fornello. Quando arrivavo al pianerottolo della casa dei nonni, si sentiva il profumo di ragù di carne che inondava le scale e mi trasmetteva un senso di festa. 

Non ho mai saputo come lo facesse lei il sugo al ragù, ma io, che cerco sempre di risparmiare, ho elaborato la mia versione.

Ricetta Tagliatelle al ragù

Ingredienti per 4 persone
500 gr di pasta all'uovo (fresca o comprata)
300 gr di carne macinata
1 cipolla
1 bottiglia di sugo di pomodoro
1/2 bicchiere di vino rosso
sale
Olio d'oliva

Tritate la cipolla e fatela rosolare in una pentola capiente, nell'olio appena riscaldato. Aggiungete la carne e con un mestolo girate e "sgranate" i pezzi di carne che con la cottura tendono ad ammassarsi. Quando la carne non è più rosa, salate e versate nella pentola il mezzo bicchiere di vino rosso. Fate evaporare per qualche minuto e poi aggiungete il sugo con mezza bottiglia di acqua (usate la bottiglia della passata). Coprite e portate a ebollizione. Dopodiché, abbassate la fiamma e fate cuocere da un minimo di mezz'ora a un'ora. Io di solito non supero l'ora per risparmiare, per me il sugo è già buono così.

Intanto fate bollire dell'acqua, salatela e tuffateci le tagliatelle o le fettuccine. Cuocete secondo le istruzioni del pacco o se sono fresche per qualche minuto. Scolate, versate la pasta nella pentola del sugo e girate bene per amalgamarla al ragù (e adesso non vi viene in mente Alberto Sordi?:-)), e servite nei piatti con del parmigiano.

NB: questa ricetta è semplicissima, io non uso erbe aromatiche con il ragù, ma la scelta è vasta e ogni famiglia e ogni regione ha le sue varietà. 

Noi mangiamo questo piatto di solito il giorno di Natale e la domenica di Pasqua, proprio come ai tempi di mia nonna!

Come cucinate il ragù? Usate una ricetta regionale o un segreto di famiglia?? Anche per voi è un piatto delle feste? 

(Se ti è piaciuto questo post, puoi seguirmi su Facebook o iscriverti via e-mail, per ricevere tanti altri consigli frugali!)

4 commenti:

  1. Il ragù lo faccio in pentola a pressione: trito 2 carote, 2 cipolle e 1 gambo sedano, faccio rosolare con un po' di olio di semi e acqua, aggiungo 1 kg di carne macinata, sfumo con il vino bianco, aggiungo mezza bottiglia di passata di pomodoro e un po' di acqua, sale, e chiudo il coperchio. Al sibilo abbasso il fornello (o, d'inverno, lo sposto sul lato meno caldo della stufa a legna) e faccio cuocere per 1,30 h, ogni tanto agito dolcemente la pentola, per controllare se ci sono sufficienti liquidi all'interno (eventualmente apro e aggiungo acqua). Poi, una volta raffreddato, lo verso in vasetti di vetro (riciclati), e lo metto in freezer, pronto per l'uso. Da noi (Emilia Romagna) si mangia spesso, o il sabato o la domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, buonissimo, molto saporito! E mi piace la cottura sulla stufa a legna!! Grazie Paola!!

      Elimina
  2. Questa volta devo dissentire, non aggiungete acqua!
    se il ragu' viene cotto con la passata e si copre la pentola l'umidita' della pentola e' piu' che sufficiente.Provate
    marinella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, hai ragione Marinella, io in effetti non aggiungo acqua per cuocere la carne, ma per "allungare" il sugo :-)

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...