lunedì 4 marzo 2013

Mini-corso di risparmio e frugalità in tre mosse - Prima parte


Ultimamente stavo riflettendo sulla differenza che c’è tra il concetto di risparmio e una vita veramente frugale. Entrambi i concetti comportano azioni rivolte alla riduzione di spese ma la differenza è che il primo non è così efficace come il secondo. Questo mini-corso vuole essere un’introduzione ad una vera vita di parsimonia, che poggi su basi stabili e che porti a risultati duraturi.


Il risparmio di per sé lo possiamo praticare quando vogliamo. Basta guardare la pubblicità in televisione dove ti fanno credere che comprando una macchina nuova si risparmia carburante, o la nuova gamma di detersivi ultrainquinanti che hanno il 10% in più di prodotto allo stesso prezzo. O basta seguire le infinite offerte delle aziende telefoniche di turno, i viaggi low-cost di agenzie di viaggio sbucate dal nulla, o il panino da Mac Donald ribassato se ci si va la domenica. Questo tipo di risparmio non ha niente a che vedere con una vita frugale.

Perché, chiederete? Perché se, adoperando i metodi sopracitati, ci facciamo i conti alla fine, ci accorgeremo che avremo risparmiato pochissimo rispetto alle spese totali. L’unica cosa che fa questo tipo di risparmio è di nutrire il nostro senso di soddisfazione per aver raggiunto un alto grado di furbizia rispetto ad altri e di mettere a posto qui e lì la coscienza che ci punzecchia spesso quando stiamo perdendo il controllo delle nostre finanze.

Una vera vita frugale invece comprende un totale cambiamento di vedute e di principi rispetto al denaro, che influenzano di fondo le nostre azioni e portano a dei risultati concreti e duraturi.

Quindi, la prima cosa da fare se si vuole (davvero) risparmiare, cioè se, ripeto, il risparmio è una reale necessità e non solo un mezzo per sentirsi superiori o furbi rispetto agli altri o per orgoglio (come nel caso di coloro che contano sempre i soldi del resto al supermercato con la fisima costante di essere fregati, quando magari sperperano in cose assolutamente inutili in altri campi – e per la cronaca, io non controllo MAI i soldi in moneta che ricevo di resto…), insomma la prima cosa che bisogna fare è proprio fermarsi e chiedersi perché è necessario che in questo momento della propria vita si inizi un regime di risparmio. Questo è importantissimo, perché se si vuole vivere una vita frugale, continuativa nel tempo e che comporti cambiamenti notevoli, si dovrà sempre tenere presente perché lo stiamo facendo.

I motivi possono essere molteplici, non solo il fatto nudo e crudo che siamo in perdita. Può essere per esempio anche riacquistare autostima e controllo nella gestione dei soldi, problemi di incomprensioni con il coniuge nel settore delle finanze, fare un passo avanti nel prendersi la responsabilità della propria vita, voler insegnare ai propri figli il valore del denaro o il desiderio di vivere una vita più semplice.

Ecco quindi il compito che vi assegno oggi in questa prima puntata: perché volete risparmiare? Siete disposti a fare tutto ciò che è necessario per far rientrare i costi?


(Se ti è piaciuto questo post, puoi seguirmi su Facebook o iscriverti via e-mail, per ricevere tanti altri consigli frugali!)

28 commenti:

  1. Uh noi lo facciamo ogni giorno cara.. che bello il tuo blog!

    RispondiElimina
  2. Come può non piacere un intervento così utile su cui riflettere? Certo che se si cerca il risparmio bisogna essere disposti a scendere a compromessi...! Quindi aspettiamo la tua seconda parte, cara.. un abbraccione e un felice pomeriggio! :)

    RispondiElimina
  3. Sono pronta e ben disposta ad accettare i tuoi preziosi consigli!!
    P.S:mi piace quella immagine con quella casetta in mezzo al prato fiorito.
    Mi fa tanto pensare alla casa nella prateria(loro conducevano veramente una vita frugale e apprezzavano le piccole cose!)
    Ciao carissima,anch'io aspetto la seconda parte!Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gwendy, sì la casa in campagna è meravigliosa! Ciao!

      Elimina
  4. Il risparmio per me è uno stile di vita per riacquistare stima di sè, autonomia rispetto alla società consumistica e maggiore fiducia in se stessi e nelle proprie capacità di gestire autonomamente una vita soddisfacente ma saggia. Grazie come sempre per il tuoi post, così intelligenti.

    RispondiElimina
  5. Ciao cara, giusto riflettere sul risparmio, io lo faccio perche' mi accorgo di avere accumulato piu' di cio' che mi serviva, e , poiche' lavoro part time, ho molto tempo per riflettere e meno soldi da sprecare, buona serata.

    RispondiElimina
  6. mi fai fremere dalla curiosita di leggere il secondo post! molto bello questo! :)

    RispondiElimina
  7. Io risparmio perchè mi sembra giusto per il pianeta e perchè voglio insegnare alla mia bambina che è giusto avere davvero solo ciò che basta!
    Felice notte!

    RispondiElimina
  8. io ho iniziato per seria necessità: mio marito veniva pagato un mese si e 4 no, quindi dovevamo cercare di risparmiare su tutto per cercare di non rimanere a secco prima del tempo. da gennaio la situazione è cambiata perchè ci siamo trasferiti in Belgio e qui mio marito viene pagato regolarmente e meglio. continuo però a risparmiare anche se non agli stessi livelli.
    non ho mai amato gli sprechi o il possesso di oggetti inutili o costosissimi( ho un cellulare da 35 euro che uso pochissimo) perchè li ritengo uno schiaffo al buon senso oltre che alla povertà.
    aspetto la seconda parte! complimenti per il blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Vi capisco benissimo che vi siete trasferiti e brava! A presto!

      Elimina
  9. grazie per le riflessioni che ci porti a "mettere in atto": ultimamente sono attenta anche al risparmio come non-spreco perchè al momento è il mio ostacolo maggiore soprattutto in cucina (non trovo le misure giuste: avanzo sempre verdure o legumi o cereali, non riesco nonostante abbia letto il tuo post a organizzare i menu', autoproduco il latte di soia e poi mi avanza in frigo, lascio l'okara con cui potrei cucinare...)e, stando alle tue domande, forse è problema di motivazione?
    comunque grazie per il lavoro che ci dai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è problema se avanzi qualcosa, basta metterlo in contenitore e porlo in freezer. Dovresti poi però ricordarti di riutilizzarlo, magari ti fai un appunto. Sicuramente la motivazioni è fondamentale, organizzati prima con le reali dosi che servono. Grazie a te per il commento!

      Elimina
    2. Io ho preso alcune galline a cui do avanzi di pane pasta e verdura, a seconda che ce ne siano pochi o tanti do più o meno becchime e poi le lascio anche libere a mangiare l'erba... così abbiamo sempre uova fresche e genuine :)

      Elimina
  10. E' vero, è proprio la casa nella prateria! E per inciso io da piccola volevo essere Mary e vivere nella prateria americana del 1800 (idea che non ho del tutto abbandonato). Apparte questa divagazione, sono d'accordissimo con te: abbiamo, tutti, un sacco di cose inutili che non portano nessun valore aggiunto alla nostra vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) Sono contenta di aver scelto la foto giusta!!! Anch'io vorrei vivere nell'800 nella prateria!!! Davvero quella vita che facevano era molto frugale e c'è tanto da imparare da loro!

      Elimina
    2. Peccato che quelli della casa della prateria (gli attori) siano finiti tutti così male! Che tristezza!

      Elimina
    3. Davvero? Perché, a parte il padre non mi sembra...

      Elimina
  11. perchè voglio risparmiare ? perchè voglio prepararmi agli anni futuri. Non penso che le cose miglioreranno, io avrò più anni e meno forze, la pensione non so come sarà e quindi voglio prepararmi. Il secondo motivo è che consumiamo troppe risorse di questo pianeta quindi voglio vivere con meno ma meglio

    RispondiElimina
  12. Ottimo.Ecco cosa inizierò a fare da subito. Nel frattempo leggo anche la seconda e la terza parte. Grazie!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...