giovedì 12 settembre 2013

Il fondo emergenze

Vivendo una vita frugale, riducendo le spese e risparmiando, gestendo bene le nostre entrate e ridimensionando la nostra vita, non dobbiamo dimenticare un elemento molto importante che, se messo in atto, ci porterà ad essere pronti ad affrontare qualsiasi necessità che possa capitarci: il fondo emergenze. 




In fin dei conti le emergenze capitano a tutti prima o poi, per questo sarebbe molto saggio da parte nostra essere preparati in qualche modo.

Guardiamo prima cosa succede se non abbiamo un fondo per le emergenze. Abbiamo il nostro budget, e pianifichiamo le spese al centesimo. Riusciamo così a far entrare nei limiti del nostro stipendio tutte le spese fisse e le necessità, e forse anche qualche svago. Ma improvvisamente si rompe la macchina, o il dente cariato del marito comincia a far davvero male, la lavatrice non funziona più o il figlio ha smarrito la cartella con i libri di scuola, ecc. Cosa si fa? Quale voce del budget si dovrà intaccare per far fronte a queste spese inevitabili? Spesso in questi casi si ricorre al prestito in banca, o si decide di rimanere indietro con altri pagamenti, il che comporta grande stress e agitazione.

La soluzione  a tutto questo è senza dubbio istituire un fondo per le emergenze, in modo da avere il denaro necessario da parte, qualora capitasse la necessità di una spesa imprevista.

Come si istituisce un fondo emergenze?
  1. Prima di tutto dovremmo rimetterci a tavolino e riprendere in mano il nostro budget (istruzioni di come si crea un budget qui).
  2. Poi aggiungeremo alle voci delle spese anche quella del fondo emergenze.
  3. Decidiamo a quanto dovrà ammontare la cifra per questo fondo. Normalmente non dovrà essere troppo esigua, ma neanche troppo alta, altrimenti non riusciremmo ad organizzarci bene con le altre voci. All'inizio sarà poco, ma mese per mese questo fondo crescerà e in un futuro abbastanza prossimo avremo una cifra considerevole per far fronte alle necessità.
  4. A questo punto, naturalmente dovremo riequilibrare le cifre delle voci delle altre spese per far rientrare tutto nello stipendio che percepiamo. Un’operazione dolorosa, lo so, ma assolutamente necessaria.

Credetemi, nel caso (speriamo di no) vi doveste trovare in futuro di fronte ad un'emergenza e questo può capitare a tutti, sarà stupendo sapere di essere coperti e di non dover ricorrere a debiti o rinunce sovrumane!

Come affrontate finanziariamente un’emergenza? Avete previsto un fondo emergenze per le necessità impellenti?

(Se ti è piaciuto questo post, puoi seguirmi su Facebook o iscriverti via e-mail, per ricevere tanti altri consigli frugali!)

8 commenti:

  1. Un post molto interessante, cara amica. E molto vero. Sì, noi facciamo sempre un fondo emergenze.. è molto difficile oggigiorno riuscire a cavarsela ogni mese (e tiriamo già i conti per i capelli, riducendo tutto al minimo).. però un discorso di questo tipo è assolutamente necessario. Bisogna essere lungimiranti e fare qualche sacrificio! Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely, verissimo tutto! Un abbraccio!

      Elimina
  2. ciao pamela..è questo il problema: si starebbe anche sufficientemente bene..se non ci fossero le famose varie ed eventuali. noi facciamo le formiche, cerchiamo di tagliare sul superfluo per mettere da parte il fondo emergenza. che spesso va a fondo..vedi apparecchio denti di arianna;(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Katia! Infatti, purtroppo gli imprevisti arrivano. Ahi, l'apparecchio costa... ma ti capisco, per me è stato idem con gli occhiali di mia figlia.

      Elimina
  3. Il problema è che oggi molti non hanno neanche la possibilità di crearsi un fondo emergenze. Mi sono sempre imposto di avere qualche soldo da parte, ma sto avendo una "varie ed eventuali" che non so se il mio fondo potrà sopravvivere. Il fisco francese, per una nuova legge mi avverte che il mio reddito italiano (già tassato alla fonte) deve concorrere ad un prelevamento sociale e mi richiedono 2.500 euro. Quindi la mia pensione viene tassata due volte. Ho voglia di andare a vivere nella Terra del Fuoco. Buon WE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elio, ma quello che racconti è incredibile! Che gli importa al governo francese dei tuoi soldi italiani??

      Elimina
  4. Carissima Pamela, condivido ogni tua parola. Le tue indicazioni sono davvero preziose. Mi piace molto il tuo blog e lo spirito che lo anima. E poi in quel "Vita frugale" riconosco quella che è la mia predisposizione per le cose semplici, per i piccoli piaceri della vita, che molto tempo fa per molti erano i grandi. Ti seguirò con profondo interesse.
    A presto
    Maria Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Maria Grazia e benvenuta!!

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...