giovedì 17 ottobre 2013

Dieta a basso contenuto calorico…. ma frugale

Un po’ di tempo fa qualcuno mi ha fatto notare che le mie ricette, pur essendo (ovviamente) economiche, risultano molto caloriche, e di conseguenza non adatte ad un’alimentazione equilibrata in termini dietetici… insomma che le mie ricette facciano ingrassare! Anche qui ho già risposto ma desidero ampliare il tema “dieta” unito a quello di “frugalità” perché penso che sia di interesse comune.

Avevo già parlato di questo argomento (qui), spiegando come perdere i chili di troppo dopo le feste natalizie. Il punto è di aumentare l’apporto di insalata e verdure, che sono comunque economiche (se  sappiamo comprare bene) e ridurre un pochino carboidrati e grassi, il ché di per sé fa risparmiare ulteriormente.

Comunque sia, il fatto che spesso le mie ricette sembrano essere (o sono) caloriche però è dovuto anche al fatto che quando si cerca di creare un menù frugale e si hanno a disposizione pochi ingredienti, e si vogliono creare dei piatti gustosi, come da buoni italiani ci piace mangiare, magari si utilizzano proprio quegli elementi che fanno ingrassare, come olio e condimenti, e per apportare un senso di sazietà si utilizzano appunto maggiori carboidrati, che tra l’altro sono più economici rispetto alle proteine animali, formaggi ecc.

È ovvio che se dobbiamo risparmiare, e abbiamo a disposizione un budget esiguo per gli alimenti, lo scopo principale è cercare di saziarsi, e qui non ci piove. Dieta o non dieta, mangiare dobbiamo e i soldi che abbiamo sono quelli che sono.

Ma volendo, senza intenzionalmente creare piatti ipocalorici frugali per beneficiare chi è a dieta e segue il mio blog, posso comunque consigliare di valutare le mie ricette, e modificarle secondo le esigenze, per esempio cuocere i fritti al forno, utilizzare meno olio, dimezzare le porzioni e mangiare assieme più verdura cotta per esempio al vapore o insalata mista non troppo condita. Il  risparmio c’è comunque e se si fa anche attività fisica, si raggiungeranno sicuramente dei risultati.

Detto tutto questo vorrei qui raccontarvi la mia esperienza riguardo alla “dieta”:

Prima di tutto io mangio ciò che posto. Quindi tutte le mie ricette, caloriche o no sono effettivamente i nostri pranzi e le nostre cene. 

Poi c’è il fatto che a partire da gennaio, per motivi troppo complicati da spiegare ora, e andrei anche fuori tema, abbiamo deciso di diventare vegani, o per lo meno tendenzialmente vegani. Ciò significa che a volte se capita mangiamo anche uova e formaggio, specialmente se siamo invitati o abbiamo invitati, o per una volta ci va di mangiare una mozzarella di bufala o un pezzo di prosciutto (come abbiamo fatto quest'estate con dei piatti freschi  tipo panini o insalata) o di utilizzare il parmigiano in una ricetta nuova, ecc. ma questo NON è la norma e succede raramente. (Vi dico subito che per le mie ricette della guerra che sto sperimentando ora UTILIZZERÒ a volte questi prodotti, anche perché mi rendo conto che i miei lettori sono per lo più "onnivori" e non intendo trasformare Vita Frugale in un blog vegan). 

In più ho aumentato l’apporto di verdure, introdotto i prodotti integrali, come pasta, farina per fare il pane, e riso, e aumentato anche il consumo di frutta, che per alcuni potrebbe sembrare calorica ma in effetti non lo è (per la totale mancanza di grassi), anzi stimola il metabolismo e aiuta a dimagrire, e ridotto lo zucchero. Insomma dopo quasi 10 mesi di questa “dieta” che in realtà dieta non è perché ho davvero mangiato molto, sapete quanti chili ho perso?


Ben 10!!!


E li ho persi perché ero sovrappeso, tornando così al mio peso normale, cioè quello che avevo prima di avere mia figlia. E lei, che ha mangiato come me, non ha perso nulla, ed è rimasta nel suo peso forma.

Per chi vuole dimagrire quindi e ha bisogno di risparmiare sul cibo, non posso fare altro che consigliare una dieta vegana. La maggior parte dei grassi si trovano nella carne animale, nel burro, panna, latte, formaggi, uova, e di queste cose l’alimentazione “normale” ne è piena!!  Provare per credere. E poi il risparmio è  notevole.

Ma se invece siete titubanti e non credete che mangiare vegan sia per voi, per qualsiasi motivo, allora vi consiglio di attenervi ai consigli che ho scritto sopra o di rileggere questo post.


Come affrontate voi una dieta? Quali misure prendete per non  spendere troppo? Che tipo di dieta seguite?

(Se ti è piaciuto questo post, puoi seguirmi su Facebook o iscriverti via e-mail, per ricevere tanti altri consigli frugali!)

4 commenti:

  1. Io condivido il tuo post pienamente. Anche io in diversi periodi della mia vita, come in questo, per diverse ragioni, ho seguito un tipo di alimentazione tendenzialmente vegana ed il peso non è sceso ma sono rimasta com'ero, nel giusto peso. Tutto sta nel saper equilibrare le porzioni e i diversi ingredienti dei piatti.
    Ed inoltre si risparmia e non poco. Per finire anche la salute, almeno la mia, ne guadagna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in particolare la salute ci guadagna tantissimo con questo tipo di alimentazione. Grazie Letizia!

      Elimina
  2. Molto interessanti i tuoi consigli...che poi sono di buonsenso...anch'io sono da sempre in lotta con i chili di proppo (pochi e attaccaticci..) ed ogni tanto riprendo la dieta che mi era stata data tempo fa dauno specialista...ora, con orari di lavoro demenziali, mangio pochissimo a pranzo, spiluzzico al rientro, e la cena più o meno la salto...ma con scarsi risultati...
    Un abbraccio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco benissimo, per anni ho avuto i miei chili belli appiccicati... Con questa alimentazione mi sono trovata benissimo e neanche a dire che mangio poco!! Ciao carissima!

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...