giovedì 10 ottobre 2013

Ricette anni 40: Zuppa al pomodoro

Iniziamo la serie di ricette anni '40, con una bella zuppa che ricorda il rigore della guerra... In realtà dalla lettura della ricetta ero sicura che non fosse una minestra degna né dei nostri tempi, né del nostro palato, ma avendo gli ingredienti ed essendo pronta a sperimentare, ho provato. E... a prescindere dal colore davvero fosforescente di questo piatto (!!! e non ci sono ingredienti chimici!!!) la zuppa è risultata molto buona e gustosa, sicuramente da rifare!

Ricetta anni '40: Zuppa al pomodoro (ricetta inglese) 

Ingredienti per 4 persone:
1 tazza di passata di pomodoro
1 l d’acqua
1 carota medio-grande
2 cucchiai di riso
1 dado
Sale e pepe

Riempite una pentola con un litro d’acqua e mettetela sul fuoco. Aggiungete nell'acqua la passata di pomodoro, la carota grattugiata e i due cucchiai di riso e portate a ebollizione. A questo punto aggiungete il dado e fate cuocere per 20 minuti. Aggiustate di sale e pepe e la zuppa è pronta!


È molto saporita. La quantità di riso però è proprio da guerra, volendo potete raddoppiare la dose.

Mi raccomando provatela, vi sorprenderà, a parte il fatto di essere supereconomica!!

Buon Appetito!

 (Se ti è piaciuto questo post, puoi seguirmi su Facebook o iscriverti via e-mail, per ricevere tanti altri consigli frugali!)

6 commenti:

  1. Cara Pamela
    Questa zuppa si mangia ancora nei paesi del territorio ex-austro-ungarico ed è non solo degna di tutti tempi e palati, ma anche piena di vitamine! Per togliere un po l'acidità si potrebbe mettere 1/2 cucchiaino di zucchero.
    Al posto della carota io uso la cipolla, soffitta in 2 cucchiai di olio.
    E, se mi permetti ancora un commento: il dado è chimico. Niente non cresce in natura sotto forma di dado :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il dado era biologico, e la zuppa non era affatto acida! Mi riferivo al colore e soprattutto al modo di cottura diverso dal solito. Comunque una zuppa davvero buona!

      Elimina
  2. Nella mia zona la si usa ancora molto, ma qui siamo in piena terra austroungarica e alcune tradizioni culinarie sono ancora molto radicate e totalmente avulse dal contesto tradizionale italiano.
    Ciao, Tatiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tatiana, interessante, di dove sei?

      Elimina
    2. Di Trieste, città di confine e di fortissima tendenza filoaustriaca.... da brava ex seconda capitale dell'impero!

      Elimina
    3. Bello! Ho vissuto parecchi anni in Austria e conosco bene la cucina austriaca!

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...