lunedì 12 settembre 2011

Ritorno dei bimbi a scuola: Assalto ai nostri portafogli?

Oggi, almeno qui da noi, è stato il primo giorno di scuola. Le vacanze sono finite e comincia un nuovo anno scolastico. Bello per i bambini e i ragazzi e bello per le mamme… ma non per i nostri portafogli!! Le spese di inizio anno sono notevoli e oltre ai carissimi libri di scuola includono materiale da scrivere come penne, matite e pennarelli, quaderni di diverse grandezze, cartelle nuove ed anche vestiario nuovo da indossare in autunno per i figli che crescono a vista d'occhio . C’è un modo per non soccombere a tutte queste spese?


Ci sono vari modi per risparmiare in questo periodo e il primissimo consiglio è di non correre a comprare tutto subito. Sediamoci al tavolo, prendiamo una tazza di tè e facciamo due conti.

Suddividiamo le spese di inizio anno scolastico in varie categorie, in modo da poter visionare meglio le possibilità di risparmio:

Libri: Procuriamoci la lista dei libri di ogni nostro fanciullo che dovranno utilizzare quest’anno dalla segreteria della scuola o nel loro sito internet. Guardiamo se ci sono dei libri che valgono anche per quest’anno e marchiamo con una penna colorata tutti i libri da comprare. Dopodiché guardiamo dove nella nostra città sono situati dei punti vendita di libri scolastici usati. Ci sono anche dei mercatini in questo periodo che li vendono e non sottovalutate eventuali annunci affissi nelle scuole di studenti che vendono il loro libri dell’anno scorso! Una volta che abbiamo comprato il comprabile, se fossero rimasti dei libri da comprare nuovi informiamoci se ci sono delle librerie che fanno degli sconti sul nuovo. Per esempio ho sentito poco fa che un noto supermercato, di quelli che vendono davvero di tutto, fa lo sconto del 15% sui libri nuovi, ma solo a quelli che hanno la tessera!

Cartoleria: prima di uscire di casa facciamo un inventario di tutto quello che abbiamo già in casa suddiviso per bambino: penne, matite, pennarelli, righelli, gomme, temperini, compassi, ecc. Se c’è già un set di pennarelli, perché dobbiamo comprarne dei nuovi? E se i bambini hanno cinque gomme da cancellare colorate, perché bisogna comprarne una nuova? Compriamo solo ciò che manca (a meno che gli insegnanti non vogliano un tipo di articolo insostituibile). Per i quaderni, guardiamo gli ultimi usati dell’anno scorso: se alcuni sono solo appena iniziati e hanno solo qualche pagina scritta, allora possiamo togliere queste pagine (e se vogliamo conservarle, metterle in una pagina trasparente e deporle via) e avere un quaderno come nuovo! Inoltre, vi consiglio di pensare più o meno a quanti quaderni e penne i ragazzi useranno durante l'anno e comprare TUTTO ora! Dappertutto ci sono ADESSO offerte per la cartoleria, che però non ci saranno durante il resto dell’anno scolastico.

Cartella: Un consiglio spassionato: per quanto è possibile comprate una cartella o uno zaino ben robusto e di qualità, anche se dovete sborsare qualche soldo in più, e questo sempre se è possibile naturalmente. Per mia figlia ho comprato uno zaino molto buono, con un bello schienale e spalline ben rafforzate, la bellezza di quattro anni fa ed è ancora come nuovo. Sì lo pagai all’epoca 80 Euro ma ne è valsa la pena! E questo non solo per il risparmio di non dover comprare ogni anno uno zaino nuovo, ma è anche importante averne uno buono per la schiena dei nostri pargoli!!

Vestiario: Per le prime settimane non occorre nuovo vestiario, fa ancora caldo, almeno qui in centro Italia. Con l’arrivo dei primi freddi possiamo ancora utilizzare per esempio le magliette a maniche corte dell’estate e coprire i pargoli con un giacchetto o un maglione. Se siamo stati previdenti e abbiamo seguito i consigli del mio articolo “Come risparmiare 4600 Euro all’anno” abbiamo sicuramente comprato dei capi invernali per la famiglia con i saldi di gennaio-febbraio e quindi abbiamo già tutto ciò che ci serve ;-). Ma se invece no, facciamo attenzione: vestiti e scarpe in autunno sono piuttosto salate! Teniamo presente che i bambini hanno bisogno, oltre a 5-6 articoli di biancheria intima a non più di 3-4 pantaloni (1-2 gonne per le bambine) e 4-5 maglioni/pullover + almeno un giacchetto, in caso di ristrettezze economiche e non di più. Se facciamo regolarmente la lavatrice, avranno da cambiarsi abbastanza. Passiamo parola che riceviamo volentieri vestiti usati, dalla famiglia o da amici o almeno mostriamo gratitudine quando ci arrivano: ci faranno risparmiare un mucchio di soldi! Per le scarpe, a parte il comprarle nei periodi dei saldi, se sono necessarie e i piedi di nostro figlio sono cresciuti a dismisura, non ci resta che comprarle, ma scegliamo negozi discount o grandi negozi con ampia scelta, che sono più economici e sicuramente sono sparsi un po’ dappertutto in Italia!

Buon inizio di anno scolastico!


(Se ti è piaciuto questo post, puoi seguirmi su Facebook o iscriverti via e-mail, per ricevere tanti altri consigli frugali!)

2 commenti:

  1. Pensa che io addirittura riciclo le copertine trasparenti dei libri perchè i docenti pretendono quel solo tipo e costano 1 euro l'una! Le adatto con un po' di nastro adesivo e via!
    Comunque anche quest'anno hanno voluto cambiare TUTTI i libri, è scandaloso..... mi veniva da piangere al solo pensiero dello spreco, e sì che li ho acquistati alle Coop con il 20% di sconto in buoni spesa...
    Se ora non studia seriamente lo lincio! :)
    Ciao, Tatiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tatiana, ottimo con le copertine!! Anch'io sono d'accordo con i libri, ma dico io, perché cambiano sempre e perché per gli stessi libri quasi ogni hanno ci sono le nuove edizioni?? Così che i libri usati non vanno bene... Ma cosa ci devono ancora riscrivere in una nuova edizione, quanto sapere sarà cambiato da un anno all'altro?? bah!!!! :-)
      Ciao e a presto!

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...