mercoledì 16 maggio 2012

Progetto frugale: un mese senza frigorifero

A fine marzo, abbiamo deciso di buttarci in una nuova avventura e di provare a vedere se effettivamente sarebbe stato possibile, come avevo già postato altrove, vivere senza frigorifero. Abbiamo pensato quindi di cominciare subito, in quanto più in là ci sarebbe stato troppo caldo, e di prolungare il progetto a un mese, quindi dal 1 al 30 aprile. Come è andata vi chiederete?


Intanto devo dire che noi normalmente facciamo una spesa al mese, di solito all’inizio del mese, ed è raro che capiti la necessità di correre all’alimentari se finisce qualcosa. Quindi anche in aprile abbiamo fatto la spesa il primo, comprando sì verdura fresca ma prediligendo scatolame (legumi, sugo e tonno), legumi secchi, pasta e riso. In più ho preso le cipolle, che si mantengono comunque fuori, e le patate le abbiamo ricevute dal contadino.

La prima settimana abbiamo mangiato la verdura fresca, che si è mantenuta abbasanza bene a temperatura ambiente: insalata, peperoni, melanzane e cavolfiori. Ho notato che tenerli per più di una settimana sarebbe stato azzardato, ma presumo che in inverno sarebbe stato possible.

Poi siamo passati a pasti a base di legumi e verdura in scatola, per lo più con pasta e riso. In più sono riuscita a continuare a fare il pane usando la pasta madre che rinfrescavo ogni giorno e si è mantenuta benissimo a temperatura ambiente. E verso la fine del mese piatti di patate, integrati con vari tipi di crostini caldi, bagnati per esempio con uno stufatino di piselli (in scatola) o con degli spinaci ripassati in padella, che sono stata in grado di raccogliere dall’orto.

L’esperimento quindi è riuscito benissimo. Sì abbiamo mangiato frugalmente, ma questo lo facciamo anche a frigorifero acceso ;-). Cosa non abbiamo mangiato questo mese, a causa di impossibilità di conservazione adeguata, è stata la carne, il formaggio, il burro e il latte, che sono comunque scarsi anche normalmente da noi.

Inoltre, un bonus è stata una incredibile quiete... non vi immaginate quanto sia rumoroso un frigorifero fin quando non lo spegnete...

Cosa avremmo potuto mangiare in questa situazione che non abbiamo pensato di comprare? Salumi interi, che si mantengono a temperatura ambiente appesi in un luogo fresco e più frutta come mele e pere.

A parte questo, ripeto e ribadisco che la cosa è fattibilissima, e mi ha dato molta soddisfazione vedere che con un po’ di accorgimenti si può in effettti risparmiare anche sul frigorifero, se necessario. Sono titubante però sul rinunciarvi d’estate, perché qui fa molto caldo e non usando né aria condizionata, né ventilatori (a parte forse un paio d’ore, una o due volte in tutta l’estate, quando siamo proprio cotti cotti…), l’unica cosa che ci tiene freschi è l’acqua del frigorifero! :-)

Vi è mai capitato di dover stare senza frigorifero? Potreste immaginare di rinunciarvi, anche per un breve periodo, per risparmiare un po' di energia elettrica?


(Se ti è piaciuto questo post, puoi seguirmi su Facebook o iscriverti via e-mail, per ricevere tanti altri consigli frugali!)

16 commenti:

  1. Mi sembra un esperimento molto coraggioso, ma in effetti fattibile.
    Carmen

    RispondiElimina
  2. Impressionante...
    Certo, con il caldo (a parte la frescura indotta dall'acqua) conservare i cibi diventa problematico, anche perché è almeno 70 80 anni che non c'è più il venditore ambulante di ghiaccio, certo se si abitasse in un bosco, e in questo bosco ci fosse un ruscello, lo stesso si potrebbe sfruttare come frigorifero naturale, mettendo i cibi da conservare dentro sacchetti e poi posti nella corrente, noi lo facevamo in baita e funziona benissimo, ma in città...
    Comunque, è interessante perché così abbiamo la certezza che almeno nei mesi freddi, l'elettrodomestico non è così necessario...
    Bravi.
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'ottimo commento Rom! Sarebbe splendido avere un ruscelletto in giardino!! Lo so che una volta si costruivano addirittura delle mini casette sopra i ruscelli per rinfrescare le cose e c'erano anche dei frigoriferi antichi, delle costruzioni in legno dove si riponevano i blocchi di ghiaccio tra segatura, e si mantenevano anche tutta l'estate. Se solo sapessi come si fa farei una prova, i blocchi di ghiaccio si possono fare avendo un freezer... :-)

      Elimina
  3. grazie per la visita e per il tuo commento!complimenti! gli argomenti del tuo blog sono molto interessanti!a presto
    Fiorella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Fiorella della tua visita!

      Elimina
  4. Si puo' eccome!!!!
    Ma una volta come facevano?
    Il problema è che le persone si sono abituate ai cibi precotti e surgelati, e spesso si spreca molto di piu' con il frigo proprio perchè si tende a dire " tanto è in frigo e si conserva!
    Ecco l errore!
    Che ci dimentichiamo che è li e si trovano poi belli e strascaduti!!!!
    Con il frigo si butta, senza si tende a consumare per via della deperibilita' ;)
    L' acqua va bevuta non fredda quindi....fuori anche quella ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così luby, ben detto! E sì, infatti l'acqua non va bevuta fredda e io ho sempre preferito berla a temperatura ambiente, ma da quando sono in questa casa, che diventa un forno rovente per tutti e tre i mesi dell'estate, e non uso un ventilatore, l'unica cosa che mi fa sopravvivere è l'acqua fredda di frigo... e non posso neanche far scorrere l'acqua di rubinetto, perché non è potabile (è del pozzo) e la devo bollire per poterla bere. La vita purtroppo è piena di compromessi... :-)

      Elimina
  5. Scusa potresti togliere la verifica della parola?
    È quasi impossibile commentarti :(
    Ho impiegato svariati tentativi prima di riuscire cge stavo per rinunciare :(
    Ed ora anche per questo commento altro lavoraccio !
    Ufffi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie luby non lo sapevo. Come mai è difficile, non funziona quando riscrivi la parola?

      Elimina
  6. Esperimento molto interessante, a volte ci penso anch'io a rinunciare a certe "comodità" alle quali siamo abituati e non sappiamo più rinunciare, ma prima lo facevano e si viveva lo stesso e su molti aspetti anche molto meglio...dovremmo tutti fare un piccolo passettino indietro..magari la salute le tasche migliorerebbero

    RispondiElimina
  7. ciao! bel post..solo una cosa non condivido..l'uso di scatolame..produce rifiuti..evito personalmente di acquistare cibi in scatola prediligendo qulli freschi..magari facendo ogni giorno la spesa al mercatino invece che una volta al mese..purtroppo qui fa molto caldo e temo che questo esperimento, a meno che nn si faccia a gennaio..fallirebbe miseramente:) buona giornata

    RispondiElimina
  8. un 'esperienza molto particolare

    RispondiElimina
  9. Credo che dovremmo fare tutto qualche piccolo passo indietro considerando la realtà di tutti i giorni. Complimenti per i tuoi consigli. Ti seguo sempre!!!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...