venerdì 21 dicembre 2012

Pane in padella

Era tanto che volevo pubblicare questo post, e finalmente il momento è arrivato! (Ho grandi problemi a fare le foto, la macchina fotografica è deceduta e sto usando la webcam con notevoli difficoltà...) Come sapete, cercando sempre di risparmiare in qualche modo, ho sperimentato un po' sui fornelli e con mia sorpresa sono riuscita a cuocere il pane in padella!!! È frugale in quanto si risparmia con il forno, e il risultato è più che ottimo! Sono anche riuscita a cuocere il pane in padella nel camino, quindi ancora più risparmio! Ecco come ho fatto...


Per fare il pane, ho usato la mia famosa ricetta del pane semplice. Ve la ripropongo:

300 gr di farina
1/4 di lievito di birra fresco
un cucchiaino di zucchero
un cucchiaino di sale
1/2 cucchiai di olio d'oliva
acqua q.b.

Sciogliete il lievito di birra insieme allo zucchero con poca acqua usando una forchetta. Aggiungete la farina, il sale, l'olio e tanta acqua per formare un impasto morbido e leggermente appiccicoso. Potete impastare quanto volete, ma io per velocizzare impasto solo qualche istante. Accendete il forno a 50 gradi per 1 minuto, spegnete e mettete l'impasto nel forno a lievitare per almeno un paio d'ore (o più). Per il pane in padella è meglio far lievitare più a lungo, per avere un migliore risultato.

Oliate una padella* leggermente e con le mani bagnate adagiate l'impasto distribuendolo su tutta la superficie. Coprite con un coperchio e fate cuocere a fuoco lentissimo per 40 minuti. Io uso il fornello più piccolo, quello del caffè per intenderci, e a fiamma bassa. Poi girate il pane dall'altro lato e cuocete per altri 20 minuti sempre con il coperchio.

Poi togliete dal fuoco e fate raffreddare su una grata.

Il pane verrà leggermente piatto, croccante fuori e morbido dentro!

* Ho usato una padella speciale, si chiama Trend Royal e l'ho comprata in Austria. (Guardate questo link quanto costa, un mio momento di pura pazzia molti anni fa, comprate a rate, anche se sono pentole stupende...) Sono pentole con un filtro nel coperchio che distribuisce il calore per tutta la pentola diminuendo così il tempo di cottura. Ma non è una pentola per fare il pane.

Ora, teoricamente, se avete una pentola antiaderente, forse anche di quelle in ghisa, e che si chiude bene, potrebbe anche funzionare per farci il pane. Altrimenti un'alternativa sarebbe il "fornetto della nonna", il fornetto Versilia, che costa poco ma che permette di cuocere dolci e pane sul fornello!

(Se ti è piaciuto questo post, puoi seguirmi su Facebook o iscriverti via e-mail, per ricevere tanti altri consigli frugali!) 

13 commenti:

  1. Un'altra idea straordinaria! Ma quante ne sai???
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carmen, col tempo si aguzza l'ingegno :-)

      Elimina
  2. questa la proverò, anche se avendo il forno a gas non penso che cambi di tanto il risparmio... ma tutto ciò che riguarda il pane mi attira molto!

    bella la tua padella.. per il forno Versilia invece, devo dire che ci ho rinunciato da un po'...e l'ho accantonato.. ho fatto solo pasticci sprecando inutilmente alimenti e questo non mi garba...ma forse dipende da me..in rete ho visto cose belle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come mai non ha funzionato? Io non l'ho mai usato ma ne ho sentito parlare bene...

      Elimina
    2. sto frugando nel tuo blog ed ho visto ora la tua risposta..
      non so il motivo ma è stata una idea pessima questo acquisto...è ho riprovato più volte..non ha senso mantenere un tegame tanto sul fuoco e avere un esito incerto...penso che per quanto mi riguarda..avendo il forno a gas..il consumo non sia molto diverso anzi...e il risultato almeno è sicuro...e ho sempre rispettato tutte le regole di cottura...i dolci all'interno restano crudi e poltigliosi e anche le parti che si cuociono non hanno il sapore di una torta cotta come si deve nel forno..ma come sempre questa è la mia esperienza..ne ho viste in giro per i blog di molto belle da guardare, per cui con ogni probabilità il sistema per avere un risultato che permetta di mangiare quel che si fa c'e' sicuramente...se provi dimmelo che sono curiosa. ciao

      Elimina
    3. Che peccato!! Non ho ancora avuto l'occasione di comprarlo ma mi attira molto, soprattutto per fare il pane. Ovvio che se hai il forno a gas non ti conviene, anche se non saprei dire quanto consuma un forno per fare una torta rispetto a un fornello acceso per lo stesso periodo di tempo. Se lo provo ti faccio sapere :-). Grazie!

      Elimina
  3. Uso già abitualmente il fornetto versilia per le torte(non sapevo neppure che si chiamasse così..a casa mia l'ho sempre visto, già mia nonna lo usava!)adesso proverò con il pane...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, fammi sapere come è venuto!! Ciao!

      Elimina
  4. auguri per un felicissimo 2013 pieno di tanta felicità
    baci e auguri VAleria

    RispondiElimina
  5. ecco mi hai ricordato che fra le cose che volevo provare da tanto c'è il pane nel fornetto versilia, anche se anche io come nonna papera ho il forno a gas, ma il mio amore per la sperimentazione in cucina mi fa sempre provare nuove tecniche.

    RispondiElimina
  6. Interessante questa cosa del pane sul fornello! =)
    Daniela

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...